Categorie

Economia

 

euro_ecb.PNG

  • Interno: incentivi per la costituzione dei gruppi d’acquisto, per le società cooperative, per le  C.S.A. (Community Suported Agricolture); incentivi alle imprese artigiane e alle industrie socialmente responsabili; sostituzione dell’indice PIL con indici più rispondenti alla reale situazione di benessere del paese, come l’HDI, l’indice di sviluppo umano dell’ONU. Controllo delle industrie produttrici di beni primari e libero mercato per i beni voluttuari. Istituzione di un ufficio per il controllo e monitoraggio delle imprese.
  • Estero: proporre a livello internazionale la creazione di un’unica moneta a livello mondiale. Riforma della Banca Mondiale, del Fondo Monetario Internazionale e dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, privilegiando la cooperazione e la solidarietà tra gli stati e garantendo una reale democraticità all’interno dei suddetti istituti.
Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.