Poesia della grandezze – estratti – Walt Whitman

[…]
Grande la libertà! Grande l’uguaglianza! Sono un loro seguace, Nocchieri delle nazioni, scegliete la vostra barca! Dove voi veleggerete, io veleggerò!
Vostro è il potere di vita e morte, vostra è la scienza perfetta, in voi ripongo una fede assoluta.

Grande è l’oggi, e bello,
È bello vivere in questa età, non c’è mai stato momento migliore. Grandi sono i rischi, gli spasmi, i trionfi, i cedimenti della democrazia,
Grandi i riformatori, fra fallimenti e urla,
Grande l’audacia e l’impeto dei naviganti per nuove esplorazioni.

Grandi siamo tu e io,
Siamo come i più vecchi e i più giovani,
Ciò che ha fatto il migliore o il peggiore, lo potremo fare anche noi,

Ciò che hanno provato, non lo abbiamo forse provato anche noi?
Ciò che hanno voluto, non lo vogliamo forse anche noi?

Grande la giovinezza, ma grande anche la vecchiaia – grandi il giorno e la notte,
Grande è la ricchezza, grande la povertà, grande l’espressione, grande il silenzio.

Giovinezza, sconfinata vigorosa appassionata – giovinezza, piena di grazia, forza, fascino,
Sai che la vecchiaia può venire per te, con pari grazia, forza, fascino?

Giorno, sbocciato e splendente – giorno di sole immenso, di azione, ambizione, risa,
La notte segue da vicino, con milioni di astri, e sonno e tenebre ristoratrici.

Ricchezza, a piene mani, abiti raffinati, ospitalità,
E poi ricchezza dell’animo, che è candore, conoscenza, orgoglio, amore avvolgente;
(Chi cerca uomini e donne che ostengono che la povertà è più sontuosa della ricchezza?)
Espressione della parola! In ciò che è scritto o detto, non dimenticare che anche il silenzio è espressivo,
Che l’angoscia più bruciante, che il disprezzo più glaciale, possono
essere senza parole,
Che la vera adorazione è anch’essa senza parole, e senza genuflessioni.
[…]
Grande è la terra, e come è diventata ciò che è,
Tu credi che si sia fermata qui? Che abbia smesso di crescere?
Devi allora capire che da qui riprenderà il cammino, fatto da quando giaceva coperta di acque e di gas.

Grande, nell’uomo, è il valore della verità,
Che lo sostiene fra tanti cambiamenti ed
È insita nell’uomo – che ne è innamorato, l’uomo e la verità non si lasciano mai.

La verità nell’uomo non è una massima, ma è parte vitale come la vista,

Lì dove c’è un’anima, lì è la verità – dove c’è un uomo o una donna, lì è la verità – dove c’è uno spazio fisico o morale, lì è la verità,
Se c’è volontà o equilibrio, lì è la verità – qualunque cosa vi sia sulla terra, lì è la verità.

O verità della terra! O verità delle cose! Sono pronto a percorrere tutta la strada verso di te,
A sondare la tua voce! Dietro di te io scalo montagne o mi tuffo nel mare.

Grande il linguaggio – è la scienza più potente,
È pienezza, colore, forma, e diversità della terra, degli uomini, delle donne e di tutte le categorie e le opere in corso,
È più grande della ricchezza – è più grande di palazzi, navi, religioni, dipinti, musica.
[…]
Il nuovo ordine deve governare come governa lo spirito e come governano amore, giustizia e equità d’animo.

Grande è la legge – grandi sono i pochi fondamentali punti chiave della legge,
Sono immutabili nel tempo, e non devono essere travisati.
[…]
Grande è la giustizia!

La giustizia non è stabilita da legislatori e leggi – è nell’anima,
Non può essere modificata da statuti, come non lo possono essere amore, orgoglio, forza di gravità,
È immutabile – non dipende dalle maggioranze – da maggioranze o da quant’altro alla fine giunge di fronte allo stesso tribunale,
impassibile e rigoroso.

Perché la giustizia è per natura quella dei grandi avvocati e dei giudici perfetti, è insita nelle loro anime,
È ben dotata – non per niente hanno studiato – il grande include il piccolo,

Decidono sugli argomenti più importanti, sovrintendono a tutto, epoche, Stati, amministrazioni.

Il giudice perfetto di nulla ha paura, potrebbe stare faccia a faccia davanti a Dio,
Alla presenza del giudice perfetto tutto deve farsi da parte – vita e morte devono farsi da parte – paradiso e inferno devono farsi da parte.

Grande è la bontà!
Non so che sia, più di quanto non sappia cosa sia la salute, ma so che è grande.

Grande è la malvagità – spesso mi scopro ad ammirarla quanto ammiro la bontà,
Ti sembra un paradosso? Lo è di certo.

L’eterno equilibrio delle cose è grande, e l’eterno capovolgimento delle cose è grande,
E questo è un altro paradosso.

Grande è la vita, concreta e mistica, ovunque e per chiunque,

Grande è la morte – certo, come la vita tiene tutto insieme, così la morte tiene tutto insieme,

La morte ha tanto valore quanto ne ha la vita,
Tu godi di ciò che offre la vita? Dovresti godere di ciò che offre la morte,
E io non afferro le realtà della morte, ma so che sono grandi,
E io, se non afferro la più piccola realtà della vita – come posso, allora, comprendere le realtà della morte?

walt-whitman

Ahimè! Ah vita!

Ahimè! Ah vita! Di queste domande che ricorrono,
degli infiniti cortei senza fede, di città piene di sciocchi,
di me stesso che sempre mi rimprovero (perché chi più
sciocco di me, e chi più senza fede?)
di occhi che invano bramano la luce, di meschini scopi,
della battaglia sempre rinnovata,
dei poveri risultati di tutto, della folla che vedo sordida
camminare a fatica attorno a me,
dei vuoti ed inutili anni degli altri, io con gli altri legato in tanti nodi,
la domanda, ahimè, la domanda così triste che ricorre: che cosa
c’è di buono in tutto questo, ahimè, ah vita?

Risposta:

Che tu sei qui, che esiste la vita e l’individuo,
che il potente spettacolo continua, e tu puoi contribuirvi
con un tuo verso.

Walt Whitman – Foglie d’erba

Sincerità

“Nulla è più forte della sincerità. Se manca la sincerità non c’è amore, né generosità, né umorismo. Anche il sorriso e la saggezza vengono meno. La sincerità è ciò che tocca il cuore degli esseri umani, è la chiave per realizzare grandi risultati nella vita.”
Daisaku Ikeda

Potere e felicità

Di cosa ha più paura il potere? Della felicità delle persone.

martin-luther-king

Rifiuto di accettare

martin-luther-kingRifiuto di accettare la disuguaglianza quale responso finale alle ambiguità della storia.
Rifiuto di accettare l’idea che “la certezza” (egocentrismo) della natura attuale dell’uomo lo renda moralmente incapace di aspirare all’eterna “condizionalità” (possibilità e apertura verso gli altri) con cui da sempre si confronta.
Rifiuto di accettare l’idea che l’uomo sia meramente il relitto galleggiante di un carico buttato nel fiume della vita incapace di influire sulla nascita degli eventi che lo circondano.
Rifiuto di accettare la posizione secondo cui l’umanità sia così tragicamente legata alla buia notte del razzismo e della guerra e che la radiosa alba della pace e della fratellanza non possano diventare una realtà.
Rifiuto di accettare la cinica idea che nazione dopo nazione debbano essere attratte dalla spirale del militarismo nell’inferno della distruzione termonucleare.
Io credo che la verità disarmata e l’amore incondizionato conquisteranno alla fine il mondo. Questo è il motivo per cui il bene, momentaneamente sconfitto, è più forte del male trionfante.

Martin Luther King: estratto dal discorso pronunciato in occasione del ritiro del Premio Nobel il 10 Dicembre 1964  a Oslo, in Norvegia.

Il contrario dell’amore

Il contrario dell’amore non è l’odio, ma l’indifferenza. L’odio è spesso una variante impazzita dell’amore. L’indifferenza invece riduce a nulla l’altro, non lo vedi neppure, non esiste più. E nessuno ha il diritto di ridurre a nulla un uomo. L’indifferenza avvelena la terra, ruba vita agli altri, uccide e lascia morire; è la linfa segreta del male.

Ermes Ronchi

alda-merini

Il mio passato – Alda Merini

Spesso ripeto sottovoce
che si deve vivere di ricordi solo
quando mi sono rimasti pochi giorni.
Quello che è passato
è come se non ci fosse mai stato.
Il passato è un laccio che
stringe la gola alla mia mente
e toglie energie per affrontare il mio presente.
Il passato è solo fumo
di chi non ha vissuto.
Quello che ho già visto
non conta più niente.
Il passato ed il futuro
non sono realtà ma solo effimere illusioni.
Devo liberarmi del tempo
e vivere il presente giacché non esiste altro tempo
che questo meraviglioso istante.

Alda Merini

Universo

Nel dolore della malattia
come nelle ferite profonde
dell’amore mancato, delle morti
e delle amicizie perdute,
in una fresca e sommessa
mattina d’una primavera
che viene timidamente
a risvegliare ogni vita.
Tutto permea e tutto è permeato
dello stesso ritmo e respiro,
in questo misterioso universo
dove nulla è per caso
e nulla è destino.

Dario Pulcini

F._Scott_Fitzgerald,_1921

I migliori rapporti

F._Scott_Fitzgerald,_1921I migliori rapporti sono quelli di cui si conoscono gli ostacoli, e che tuttavia si vogliono conservare.

Francis Scott Fitzgerald, Tenera è la notte, 1934

Egoismo

Chi trae la propria forza dall’egoismo è eternamente infelice.

"Omnia sunt communia contraria sunt complementa"