Finanza etica e microcredito: il video dell’incontro

Il video dell’iniziativa che ho organizzato a febbraio 2014 su finanza etica e microcredito. Se volete iniziare a capire i mali della finanza attuale e come uscirne, partite da qui.

Vedi cara – Francesco Guccini

Una canzone che spiega bene come mi sento in questi primi giorni di primavera…

Vedi cara, è difficile a spiegare,
è difficile parlare dei fantasmi di una mente.
Vedi cara, tutto quel che posso dire
è che cambio un po’ ogni giorno, è che sono differente.
Vedi cara, certe volte sono in cielo
come un aquilone al vento che poi a terra ricadrà.
Vedi cara, è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…

Vedi cara, certe crisi son soltanto
segno di qualcosa dentro che sta urlando per uscire.
Vedi cara certi giorni sono un anno,
certe frasi sono un niente che non serve più sentire.
Vedi cara le stagioni ed i sorrisi
son denari che van spesi con dovuta proprietà.
Vedi cara è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…

Non capisci quando cerco in una sera
un mistero d’ atmosfera che è difficile afferrare,
quando rido senza muovere il mio viso,
quando piango senza un grido, quando invece vorrei urlare,
quando sogno dietro a frasi di canzoni,
dietro a libri e ad aquiloni, dietro a ciò che non sarà…
Vedi cara è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…

Non rimpiango tutto quello che mi hai dato
che son io che l’ho creato e potrei rifarlo ora,
anche se tutto il mio tempo con te non dimentico perchè
questo tempo dura ancora.
Non cercare in un viso la ragione,
in un nome la passione che lontano ora mi fa.
Vedi cara è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…

Tu sei molto, anche se non sei abbastanza,
e non vedi la distanza che è fra i miei pensieri e i tuoi,
tu sei tutto, ma quel tutto è ancora poco,
tu sei paga del tuo gioco ed hai già quello che vuoi.
Io cerco ancora e così non spaventarti
quando senti allontanarmi: fugge il sogno, io resto qua!
Sii contenta della parte che tu hai,
ti do quello che mi dai, chi ha la colpa non si sa.
Cerca dentro per capir quello che sento,
per sentir che ciò che cerco non è il nuovo o libertà…
Vedi cara è difficile a spiegare,
è difficile capire se non hai capito già…

Altri testi su: http://www.angolotesti.it/F/testi_canzoni_francesco_guccini_1655/testo_canzone_vedi_cara_42880.html
Tutto su Francesco Guccini: http://www.musictory.it/musica/Francesco+Guccini

15 febbraio 2014 incontro su Finanza Etica e Microcredito

Cosa sono i derivati? Euro sì o euro no? Che responsabilità hanno le banche nella crisi? Come posso ricevere un prestito se non sono bancabile? Potrete avere una risposta a queste e molte altre domande all’incontro su Finanza Etica e Microcredito!

Sabato 15 febbraio 2014, dalle ore 18, presso la Galleria d’Architettura “Come Se”, in Via Dei Bruzi 6 nel quartiere San Lorenzo di Roma, si terrà l’incontro “Finanza Etica e Microcredito – Il capitale delle relazioni”.
Interverranno Andrea Baranes, presidente della Fondazione Culturale Responsabilità Etica, Francesca Aloisio, esperta di microcredito, Andrea Dal Piaz, presidente di Micro Progress ONLUS, Erika Lombardi, Vice-presidente di MAG Roma, Gianni Girotto, senatore della Repubblica italiana.

Dalle 21 ci sarà l’aperitivo/cena a base di prodotti naturali e locali al costo di 7 euro. Si prega di comunicare nella prenotazione se si rimarrà o meno a cena, di modo da non preparare più cibo di quanto sia necessario.

La partecipazione all’iniziativa è gratuitala prenotazione è comunque obbligatoria per il numero limitato di posti; per prenotare è sufficiente inviare un’e-mail con nome e cognome a: gas@gasroma.org

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sul Giappone e sull’Italia

Quando il paese finisce nel caos,
i politici parlano di “patriottismo”.

Tao Te Ching

 L’anno volge al termine e le mie riflessioni sono tutte concentrate sul cercare di capire il futuro che ci attende. Due stati (due popoli) mi preoccupano più di altri, per via del fatto che ho paura saranno i primi la cui economia collasserà entro i prossimi 5 anni, se non si cambia rotta: il Giappone e l’Italia.

La citazione iniziale del Tao Te Ching ben si adatta all’attuale situazione del “Paese del Sol levante”, terza economia mondiale, in cui, ad una crisi economica senza precedenti e al più alto debito pubblico del mondo,  il governo giapponese risponde cercando di riportare in auge lo schintoismo di stato e il nazionalismo nelle scuole attraverso l’”educazione patriottica”.

Il voler a tutti i costi cercare di sanare l’economia attraverso l’aumento della produzione in un paese consumista come il Giappone è pura follia:  il pianeta potrà sopportare ancora per poco il consumo indiscriminato di risorse. Consumare di più è eticamente sbagliato e insostenibile. Eppure il governo giapponese, senza alcuna saggezza, punta proprio su ciò, cercando di far breccia nei cuori dei giapponesi attraverso la religione di stato e il patriottismo: l’avidità del sistema capitalista si sta esprimendo quindi in tutta la sua perversione con cecità estrema, senza considerare gli effetti nefasti sull’avvenire dell’umanità e del pianeta terra che tale politica già sta producendo.

In Italia sono invece la corruzione e il clientelismo, ormai entrambe  permeanti la cultura italiana a tutti i livelli (sociale, politico e economico), i fattori determinanti che porteranno ad un inevitabile collasso, se non si inverte immediatamente la rotta. Non ho alcuna fiducia che l’attuale governo dia dati veritieri sulla reale situazione economica del nostro paese, che secondo me è ben più grave di quanto vogliano dirci.

Solo noi cittadini possiamo invertire queste tendenze pericolosissime per il futuro della terra, riprendendo il controllo sulle nostre istituzioni, inserendo i più meritevoli, onesti e saggi ad amministrare il bene pubblico. Altrimenti il futuro sarà veramente duro per tutti.

Spero in un 2014 in cui la coscienza e la consapevolezza di ogni singolo essere umano mutino ovunque, che trionfi  un unico imperativo etico comune: costruire un percorso verso un’umanità armoniosa e solidale. La disonestà, l’avidità e l’egoismo porteranno ineluttabilmente al collasso.

Domenica 15 dicembre 2013 Mercato Ecoamico

Torna il Mercato Ecoamico organizzato dal Gas Gasper! Sarà domenica 15 dicembre 2013, in Via Dei Bruzi 4/6 nel quartiere San Lorenzo a Roma, dalle ore 16 alle 21. Tanti i produttori e artigiani coinvolti, tutti rigorosamente eco, equi e felicemente decrescenti. Dalle ore 19 aperitivo bio a km 0.

Qui l’iniziativa su Facebook: https://www.facebook.com/events/180796778780514/

mercatino-temporaneo-locandina

23/11/2013 Incontro su Decrescita e Economia Solidale

Sabato 23 novembre 2013, dalle ore 18, presso la Galleria d’Architettura “Come Se”, in Via Dei Bruzi 6, nel quartiere San Lorenzo di Roma, si terrà l’incontro “Decrescita e Economia Solidale – La crisi come opportunità di scelta”.
Interverranno Maurizio Pallante, fondatore del Movimento della Decrescita Felice, la portavoce del Movimento 5 Stelle al Parlamento Federica Daga, il portavoce del Movimento 5 Stelle all’assemblea capitolina Enrico Stefàno, gli architetti Coppari, Marrocchi e Troisi dello Studio +39.6 Architetti Associati, vari aderenti del G.a.s. Gasper.
Dalle 21 ci sarà l’aperitivo/cena a base di prodotti naturali e locali al costo di 7 euro. Si prega di comunicare nella prenotazione se si rimarrà o meno a cena, di modo da non preparare più cibo di quanto sia necessario.
La partecipazione all’iniziativa è gratuita, la prenotazione è obbligatoria, mandando un’e-mail a:gas@gasroma.org

Qui l’evento su Facebook: https://www.facebook.com/events/466892130094553/

locaMedium

banca-etica

Banca Etica alla Commissione Finanze della Camera

logo_banca_eticaSono un felice socio di Banca Etica da ormai diversi anni.

La gentilezza e disponibilità di chi ci lavora, la trasparenza con cui vengono utilizzati i risparmi, l’efficienza dei servizi, ogni volta mi danno la certezza di aver affidato i miei soldi alle persone giuste.

Mi auguro che sempre più cittadini scelgano di affidare i propri risparmi con consapevolezza: è uno degli strumenti principali con cui sostenere, da singolo cittadino, un sistema economico virtuoso, solidale, sostenibile e etico.

All’audizione del 24 ottobre 2013 alla Commissione Finanze della Camera dei deputati Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica, ha illustrato ai deputati le proposte della finanza etica per uscire dalla crisi. Tutte proposte che trovo assolutamente condivisibili e da sostenere.

Scarica la memoria completa presentata alla Commissione

Link al video dell’audizione

fase 8

Seadas vegetariane

Le seadas (al singolare seada) sono dolci tipici della Sardegna a base di farina, formaggio e miele. Pare che il nome derivi dallo spagnolo, con il significato di “separata”, forse perché il formaggio viene fatto filare separandolo così dal siero.

Nella ricetta originale è presente lo strutto, ma siccome sono vegetariano l’ho sostituito (con risultati ottimi) con il burro.

Personalmente utilizzo tutti ingredienti biologici e possibilmente a km 0. Invito chiunque a fare altrettanto!

Ingredienti (per 6/7 seadas)

- 150 grammi di farina 00

- 150 grammi di semola di grano duro (è possibile anche usare solo la semola)

- 30 grammi di burro

- acqua quanto basta

- un pizzico di sale

- 400 grammi di formaggio fresco di latte di pecora o di vacca (in Sardegna si usa tipicamente la pischedda di latte ovino o, in sostituzione, il casu spiattatu di latte vaccino), prodotto con caglio vegetale (se si vuole una ricetta veramente vegetariana è indispensabile)

- scorza di due limoni

- miele millefiori quanto basta

Preparazione

1. Mescolare le due farine e un pizzico di sale con le mani

2. Aggiungere alla farina il burro, sempre con le mani

3. Sciogliere in un tegame il formaggio, fino a che non fila

4. Versare in un bicchiere il siero separatosi dal formaggio

5. Aggiungere il siero e acqua quanto basta a far diventare l’impasto elastico, ma non appiccicoso.

6. Mettere in frigo l’impasto per 30 minuti, dentro un contenitore ermetico.

7. Stendere la pasta con un mattarello e tagliarla a cerchi, aiutandosi con un piattino.

8. Porre il formaggio al centro del cerchio, chiudere con un cerchio sopra, premere ai lati con i rebbi di una forchetta.

9. Far scaldare bene l’olio in una padella.

10. Friggere per pochi secondi le seadas, girandole una sola volta.

11. Versare il miele sopra le seadas ben calde.

12. Servire immediatamente.

Buon appetito!

g.i.n.

Global Issues Network

g.i.n.Nel 2003 un gruppo di insegnanti e amministratori della Scuola Internazionale di Lussemburgo decise di fondare la Global Issues Network, con lo scopo di dare agli studenti informazioni, ispirarli, insegnare loro a lavorare in team su tematiche globali, incoraggiandoli a proporre  azioni create in maniera collaborativa e sostenibili, sulle problematiche globali che l’umanità sta affrontando.

Oggi sono decine le scuole che aderiscono alla rete, in tutti i continenti del mondo, organizzando conferenze, eventi e progetti sulle principali problematiche mondiali, dalla lotta alla povertà, alla carenza di risorse idriche, dal riscaldamento globale alla struttura della finanza globale, dai diritti umani alla deforestazione.

Tale rete dà quindi importanza all’ascolto concreto dei giovani di tutto il mondo, dando loro strumenti per mettere in atto proposte creative per risolvere i principali problemi che l’umanità sta affrontando: a mio parere solo attraverso iniziative come queste la nostra epoca potrà superare le tante difficoltà che affronta in maniera positiva, costruendo una comunità umana multiculturale e progredita. I giovani sono il futuro, una società che non ascolta e non dà spazio ai giovani è destinata inesorabilmente al declino.

"Omnia sunt communia contraria sunt complementa"

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: