Categorie
Umanesimo

Giovani lottate sempre per i vostri sogni

Tempo di lettura: 2 minuti

Queste alcune dichiarazioni del Presidente del Consiglio Mario Draghi nella conferenza di fine anno: “Non immagino il mio futuro all’interno o all’esterno delle istituzioni. L’ho detto una volta rispondendo ad una domanda fatta da alcuni ragazzini al punto luce di Torre Maura: l’importante è vivere il presente e farlo al meglio possibile. Forse sbaglio, ma i motivi del successo del governo, per me sicuramente ma credo anche per altri ministri, è che ha lavorato sul presente senza chiedersi cosa c’è nel futuro, cosa c’è per me nel futuro”.

Credo che Draghi non solo non sia un buon Presidente del Consiglio, ma assolutamente non possa essere un buon Presidente della Repubblica: ciò che ha dichiarato lo trovo inquietante, da persona che della vita non ha capito nulla.

Dire a dei giovani che non è importante chiedersi cosa ci attende in futuro, ma semplicemente dedicarsi ad affrontare il presente è da persona del tutto inconsapevole del valore incommensurabile della vita: la creatività, l’intelligenza, la sensibilità, l’importanza di avere sogni, utopie e visioni, appartengono ad ogni essere umano e chi le uccide o le minimizza è già morto dentro.

L’umanità ha saputo affrontare grandi sfide ed evolversi come specie proprio grazie alla perserveranza e al coraggio di tutti coloro che hanno saputo guardare al di là del proprio tempo, immaginando un mondo migliore di quello che vivevano nel loro presente.

Il successo di Draghi non è dovuto alla sua lungimiranza o alla sua saggezza, ma alla sua superficialità e al suo essere perfettamente adeguato al vecchio sistema che sta distruggendo il pianeta, di cui lui è uno dei massimi esponenti: solo una persona superficiale, che non ha vissuto la vita nella sua pienezza, potrebbe dire cose tanto irresponsabili a dei giovani.

Beh, io sono il signor nessuno e voglio anche io dire qualcosa a tutti i giovani: sognate, lottate per i vostri sogni, guardate al di là del presente, fatevi un’idea di futuro migliore del presente che vivete e lottate perché si realizzi.

Ho piena fiducia che il vostro entusiasmo, la vostra intelligenza, la vostra determinazione e i vostri talenti, saranno in grado di farci evolvere verso un’umanità migliore dell’attuale.

Meravigliosi giovani di questa epoca, avete tutto il mio sostegno e se vi serve una mano per combattere queste cariatidi che impediscono alla vita di evolversi, per quel che posso, sono a disposizione: sarò sempre al vostro fianco e continuerò a combattere con tutte le mie forze perché tutti possano esprimere i propri talenti, per salvare questa variegata umanità, questa spettacolare moltitudine di esseri viventi che abitano il meraviglioso pianeta su cui abbiamo la fortuna di vivere.

Condividi
Categorie
Umanesimo

Essere Umano

Tempo di lettura: < 1 minuto

Se l’uomo religioso dimentica il voto originale di ogni profeta, di ogni maestro, di ogni santo, di ogni filosofo, di ogni eroe, di ogni uomo comune dedito al bene, cioè la felicità più piena e realizzata di ogni essere vivente, non può più definirsi tale. Nasconde dietro al nome della propria religione, a cui in realtà non crede, le peggiori nefandezze, il potere occulto più avido e malato.
La pace si ottiene interrompendo ogni spirale di violenza, stringendosi l’un l’altro senza alcuna distinzione.
L’amore universale è la forza più grande e rivoluzionaria che l’uomo possiede, ma per esprimerlo ci vuole coraggio e consapevolezza, compassione attiva e saggezza, fiducia e ottimismo, comprensione e perdono.
La pace si costruisce ogni istante con il nostro cuore, con la nostra mente, con i nostri pensieri, con le nostre parole, con le nostre azioni, tutte dedite alla pace e all’armonia.
La violenza, il dolore che ci infliggiamo l’un l’altro, non ha senso solo se non ci porta a capire l’importanza dell’amore fraterno tra tutti gli uomini per vivere bene, per realizzare le nostre vite, per concretizzare la nostra felicità.
Ognuno è responsabile per tutto ciò che accade.
La violenza si interrompe solo con un estremo e coraggioso atto d’amore, di solidarietà, di altruismo.
Così come l’odio genera odio, l’amore genera amore.
Le bombe francesi in Siria non portano meno terrore e non sono meno violente degli attentati a Parigi.
Ogni vittima di violenza è una perdita per l’umanità intera e una sconfitta dell’umanità intera.
Opponiamoci alla guerra, sempre, ovunque.
Il dialogo è l’unica arma di un vero essere umano.
Costruiamo insieme un’umanità felice, fermiamo la follia dei violenti.
Siamo noi l’arma più potente per portare la pace nel mondo.

Condividi
Categorie
Buddismo Culture Filosofia Società Umanesimo

Sincerità

Tempo di lettura: < 1 minuto

“Nulla è più forte della sincerità. Se manca la sincerità non c’è amore, né generosità, né umorismo. Anche il sorriso e la saggezza vengono meno. La sincerità è ciò che tocca il cuore degli esseri umani, è la chiave per realizzare grandi risultati nella vita.”
Daisaku Ikeda – La mappa della felicità – 24 ottobre

Condividi
Categorie
Umanesimo

Angeli in terra

Tempo di lettura: 1 minuto

Un mio nuovo (e caro) amico brasiliano, Marcelo, qualche mese fa, chiacchierando del più e del meno, mi chiese la data di nascita e mi diede una notizia che non conoscevo e che lì per lì mi lasciò perplesso e impressionato.  Secondo la tradizione cabalistica vi sono 72 angeli protettori, estratti da una parte del libro dell’esodo dalla bibbia ebraica attraverso studi numerologici della scienza cabalistica, uno ogni 5 giorni dell’anno, per un totale di 360 giorni (72×5=360). Le persone che nascono nei rimanenti giorni dell’anno, senza angelo protettore, sono considerate “Angeli dell’Umanità”: le date sono il 5 gennaio, il 19 di marzo, il 31 di maggio, il 12 di agosto e il 24 ottobre.

Condividi
Categorie
Economia

Perché l’economia è disumana

Tempo di lettura: 2 minuti

È vero che la borghesia soggioga oramai il lavoratore e nei modi più disparati: producendo finti desideri, precarizzando il lavoro, i diritti fondamentali. Ma, se all’interno di un paese dell’occidente possiamo ritrovare codeste dinamiche in maniera meno palese, più frammentaria, meno novecentesca quindi, con la perdita d’ogni credo, idealismo e cultura di progresso reale, nel rapporto tra paesi poveri e occidente la divisione di classe risulta in tutta la sua brutalità: noi, anche il più povero di noi, che agisce, a differenza del ceto borghese, consumando i sottoprodotti industriali che ora vengono prodotti nei paesi a basso salario, è perciò “borghese” nei confronti delle popolazioni povere.

Condividi