Categorie
Economia Politica Società

Disonestà diffusa

Riporto un articolo apparso oggi su Repubblica.it molto interessante e anche allarmante (ovviamente messo tra i trafiletti e non certo in grande evidenza sul sito della testata, d’altronde è sempre un media mainstream in mano a imprenditori); i dati riportati da una parte non fanno che confermare ciò che ho sempre pensato, ossia che la corruzione dilagante dei nostri dirigenti pubblici e privati altro non sia che il pallido riflesso di una disonestà diffusa degli italiani, sempre più abituati alla furbizia e alla scaltrezza, ciò che realmente sta portando alla rovina questo paese (159 miliardi di euro l’anno sono decine di manovre finanziarie, la metà dell’imponibile, altro che crisi economica), ciò che sta depauperando il nostro paese da tutti i servizi pubblici, che sono la prima garanzia dei tanto citati (spesso fuori luogo) diritti umani. Dall’altra dimostra che il nord onesto e lavoratore e il sud disonesto e fannullone è solo una chimera, una delle tante falsità a cui ormai non facciamo nemmeno più caso. D’altronde l’ignoranza e la superficialità del nostro popolo dilaga incessantemente, sento discorsi sempre più assurdi dai bar agli autobus, nessuno s’informa più, tutto viene affrontato con una superficialità dalla gran parte dei cittadini che mi fa rabbrividire. Per chi è sensibile e ha coscienza, in questo paese e in questo momento, è veramente difficile rimanere: ma questa è anche casa mia, non l’abbandonerò in mano ai quaranta ladroni!

Ovviamente in testa alla classifica degli evasori ci sono gli industriali, poi banche e assicurazioni e i commercianti, i “quattro dell’Apocalisse” che stanno mettendo in ginocchio il paese, con la loro stupida avidità, il loro egoismo, la loro ignoranza e arroganza. E nel mondo sono sempre queste categorie che stanno devastando l’ambiente, sfruttando gli esseri umani, diffondendo questa stupida cultura del dio denaro, per cui solo il soldo conta, gli esseri umani sono risorse, la natura è una risorsa, da sfruttare per diventare ricchi oltre ogni limite, oltre ogni necessità: non lasciamo in mano il mondo a tali persone!

ROMA – Con un’evasione fiscale in crescita del 10,1%, nei primi 11 mesi del 2010, l’Italia si conferma al primo posto in Europa, con il 54,5% del reddito imponibile evaso. Le imposte sottratte all’erario sono nell’ordine dei 159 miliardi di euro l’anno. E’ quanto emerge da una nuova indagine effettuata da Krls Network of Business Ethics per conto di ‘Contribuenti.it’, il magazine dell’Associazione Contribuenti Italiani. L’indagine è stata condotta attraverso l’elaborazione di una serie di dati ministeriali, delle banche centrali, degli istituti di statistica e delle Polizie tributarie dei singoli Stati europei.

L’analisi ha considerato cinque aree di evasione fiscale: l’economia sommersa, l’economia criminale, l’evasione delle società di capitali, l’evasione delle big company e quella dei lavoratori autonomi e piccole imprese. I principali evasori non si trovano nell’economia criminale, ma in quella legale, secondo i risultati dell’indagine: al primo posto ci sono gli industriali (32,8%) seguiti da bancari e assicurativi (28,3%), commercianti (11,7%), artigiani (10,9%), professionisti (8,9%) e lavoratori dipendenti (7,4%).

A livello territoriale, l’evasione è diffusa soprattutto nel Nord Ovest (29,4% del totale nazionale), seguito dal Sud (24,5%), dal Centro (23,2%) e dal Nord Est (22,9%).

Fonte: Repubblica.it

Condividi
Categorie
Culture Politica Sud America

La verità di Fidel

Riporto una frase di Fidel Castro, data il 26 luglio 2010 al teatro “Memorial José Martí”,  all’Avana; alla veneranda età di 84 anni Fidel dimostra una vitalità da ventenne, a riprova della sua straordinaria esperienza accompagnando il popolo cubano all’indipendenza dalle ingerenze straniere, quale ulteriore conferma dell’uomo straordinario che Fidel è, al di là di tutte le stupide critiche di chi non riesce a vedere la realtà di Cuba oggi rispetto a ieri, di chi non distingue la piccolezza e la grandezza per quello che sono, probabilmente perché pagato o ottuso.

Rispondendo al reverendo Raúl Suárez (colui che dirige il centro Memorial Dr. Martin Luther King all’Avana), con riferimento ad uno dei momenti più drammatici della rivoluzione, ossia il fallimentare assalto alla caserma Moncada, pronuncia queste parole:

Realmente lo único que teníamos era eso —dice—: inspiración. Uno no puede explicarse lo que le ha pasado a Silvio y a todos aquí, sin inspiración. Uno debería proponerse, casi como una norma, ser cada día aunque sea un poquitico mejor. Y no abandonar esa línea…

Tradotto al volo:

“Realmente l’unica cosa che avevamo era questo: ispirazione. Uno non può capire ciò che ha passato Silvio e tutti gli altri qui (in riferimento ai sopravvissuti dell’assalto presenti in prima fila, ndr) , senza l’ispirazione. Uno dovrebbe proporsi, così come una norma, di essere ogni giorno comunque sia un pezzetto migliore. E non abbandonare mai questa norma…

Ecco, questo secondo me è l’insegnamento fondamentale di Fidel Castro, il motivo per cui il 90% dei cubani lo ammira, il motivo per cui, ammirando una persona straordinaria, Cuba è un paese meraviglioso e da imitare per l’umanità infinita che sa esprimere ogni suo cittadino.

Condividi
Categorie
Culture News

CapoBrasil Festival di cultura e musica brasiliana

Invito tutti a partecipare (io ci sarò!) a questo meraviglioso festival (organizzato dai miei amici del Beba Do Samba) che si terrà dal 4 al 10 agosto 2010 all’isola di Capo Rizzuto in Calabria.

Nella splendida cornice di Isola Capo Rizzuto (Crotone, Calabria), nel meraviglioso camping San Paolo, potrete ascoltare, suonare e ballare musica brasiliana dei generi choro, bossanova, pagode e samba, con tanti gruppi e artisti che si esibiranno senza sosta, nonché partecipare a incontri e dibattiti sul Brasile, vedere mostre e installazioni fotografiche, partecipare a corsi di musica e di capoeira.

Un mare meraviglioso, un panorama mozzafiato, la spiaggia a pochi passi, la natura incontaminata del parco marino di Capo Rizzuto, saranno la splendida cornice dell’iniziativa.

Si pernotterà in un camping perfettamente attrezzato con prezzi bassi e si mangerà solo cibo genuino e locale a prezzi contenuti.

Per maggiori informazioni: http://www.curandero.it/capobrasil

Condividi
Categorie
Agricoltura Ambiente News Società Umanesimo

Convegno nazionale G.A.S. e D.E.S. 2010 Osnago (LC)

Come di consueto ogni anno, si terrà il convegno nazionale dei Gruppi d’Acquisto Solidale, questa volta congiuntamente con i Distretti d’Economia Solidale. Gasisti di tutta Italia, uniamoci!

Maggiori informazioni sul sito dell’iniziativa: http://www.convegnogasdes2010.org/

Condividi
Categorie
Culture Società Umanesimo

Manifestazione Emergency – Diego Cugia: I nostri eroi

Come non riportare questo intervento alla manifestazione di Emergency, segno che ci sono ancora esseri umani in questo paese. Scrissi a febbraio 2010 un articolo intitolato “Veri eroi e falsi miti”, quando ancora non era successo il “fattaccio” di Emergency, quando nessuno si ricordava di queste grandi persone che abbiamo in Italia, che non chiedono fama, non danno per avere. Sono orgoglioso di vedere ancora una volta che si può prevedere il futuro solo guardando il presente, sono le cause presenti che portano agli effetti futuri, è solo questione di tempo: è qui e ora che si cambia il futuro. Ho seguito per anni alla radio Diego Cugia – Jack Folla, spero non se ne dispiaccia se riporto questo suo discorso giratomi da una cara persona, perché la pensiamo allo stesso modo. E ciò mi fa sentire meno solo…

Condividi
Categorie
Economia News Politica Società Sud America Umanesimo

Sognando il Venezuela

Perdonate il titolo provocatorio, ma le contraddizioni tra la politica occidentale e la politica latino-americana si acuiscono sempre più; fioriscono iniziative di governo nei paesi del Sud America lodevoli e giuste, (spesso per la prima volta dopo decenni di sanguinose dittature) ben più progressiste delle deboli proposte di riforme sociali europee (a scapito di diritti e lavoratori),

Condividi