Categorie
Ambiente Culture Iniziative News

Dal 17 al 31 luglio 2013 Festival Habicura

Dal 17 al 31 luglio 2013 si terrà a Villa Mercede, nel quartiere San Lorenzo di Roma, Habicura, il primo festival su ambiente, benessere e cultura.

Il festival è organizzato da tanti cari amici, quindi è un piacere per me poterli aiutare nella diffusione dell’iniziativa pubblicando questo articolo sul mio sito.

Sarò anche presente con lo stand delle scarpe del progetto Ragioniamo con i piedi di cui faccio parte, i giorni 30 e il 31 luglio 2013, per festeggiare insieme la chiusura dell’iniziativa.

Sul sito del festival trovate il programma completo: http://www.habicura.it

Habicura 2013

Condividi
Categorie
Agricoltura Ambiente Cooperazione Culture Economia Filosofia News Scritti e poesie Società Umanesimo

Riflessioni sullo Sbarco G.A.S./D.E.S. 2013

Diverse riflessioni si accavallano nella mia mente in merito all’assemblea nazionale g.a.s./d.e.s. a cui ho partecipato a Monopoli. E, ve lo dico subito, senza retorica, non sarò breve.
Nella mia narrazione includerò sia da dove e come sono partito, con quali auspici, sia quanto l’esperienza dell’assemblea ha cambiato la mia percezione della realtà del mondo dell’economia solidale, il “dove siamo”, il “dove stiamo andando” e il “dove vogliamo andare”.
Mi sono trovato nella singolare situazione di essere sia dalla parte del “produttore”, con il progetto “Ragioniamo con i piedi”, sia dalla parte del “consumatore” da coordinatore di un g.a.s., il Gasper di Roma.
Sono venuto in Puglia con Gigi Perinello, già fattore particolare della mia narrazione: con Gigi ci siamo conosciuti all’inizio del progetto avviato con il calzaturificio Astorflex a fine 2008, “Ragioniamo con i piedi”, quando lo chiamai interessato per presentarlo alla rete dei gruppi d’acquisto solidale del Lazio, essendo io un “gasista”. Conobbi in tale occasione anche Fabio Travenzoli, il produttore, all’epoca così taciturno, tanto dall’essere riuscito a scambiarvi giusto qualche parola: ora è una persona con cui parliamo schiettamente, senza mai celare alcunché, con ironia e concretezza. Giusto per dare un elemento in più al fattore determinante dell’economia solidale: le relazioni.
E poi tutto si è trasformato: con Gigi siamo diventati Amici (sì, con la “a” maiuscola) e con Fabio sono nati un profondo rispetto e stima reciproci (giusto per fare un esempio: è l’unica persona che conosca che, a distanza di un anno, nelle varie volte che abbiamo mangiato insieme, si è sempre ricordato che sono vegetariano!). E tutto questo ha portato Gigi, consapevole delle mie difficoltà di lavoro pregresse (licenziato in tronco insieme ad altri 39 giovani nel 2009 da una società cinematografica, Non solo cartoons S.p.a., con 3 stipendi non pagati, di cui recuperato solo la metà… e non vedremo mai più altro, fallita ad hoc come solo in Italia sanno fare) nel 2010, a volermi coinvolgere nel progetto R.C.I.P.. Sono stato subito entusiasta alla proposta (ciò è probabilmente un aspetto del mio carattere, l’entusiasmarmi facilmente) e quindi abbiamo iniziato a girare per l’Italia con le proprie auto gonfie di scarpe, per far conoscere il progetto ai gruppi g.a.s.. Da allora tante cose sono cambiate, vi dico solo che ora ho un furgone datomi dall’azienda con tutti gli accessori per far mercati e un introito mensile. E scusate se è poco, in questa epoca di “crisi”.
Da qui già la prima, per me illuminante, riflessione durante le giornate pugliesi: non esiste divisione tra produttori e consumatori, siamo tutti “attori del cambiamento” come ha efficacemente detto Davide Biolghini nell’officina solidale “Economia solidale: un ossimoro?”. Difatti la riflessione che mi sono posto e che, credo, tutte le persone coinvolte in questo determinante percorso, credo debbano porsi, è quella di considerarsi sia “consumatori” che “produttori”: chiunque di noi con un lavoro difatti, anche se da dipendente, non è forse un produttore anch’esso? E quando veste i panni del “consumatore” può forse dimenticarsi di essere un lavoratore che produce beni e/o servizi, quindi un produttore o comunque un elemento all’interno di un’organizzazione produttiva? Probabilmente molte delle problematiche sorte nel rapporto produttore/consumatore all’interno dell’economia solidale potrebbero essere superate brillantemente partendo da questa riflessione individuale. Probabilmente tanti “integralismi” potrebbero essere moderati da una visione che ci vede tutti dalla medesima parte di “attori” dell’economia solidale, senza ipocrisie e aumentando la nostra capacità di comprensione del “sistema economico”, pronti più ad imparare come funziona, settore per settore, caso per caso, piuttosto che giudicare chi ci lavora in maniera netta e immutabile.
E da tale ragionamento sorge immediatamente la seconda riflessione, che parte certamente anche dalla religione che pratico, il buddismo: la Vita è cambiamento, trasformazione, se le nostre idee, la nostra mente e le nostre emozioni, non sono pronte ad aderire dinamicamente alla realtà che cambia, non saremo in grado di agire efficacemente per il tanto agognato “ben vivere” collettivo.
Ma ritorniamo alla narrazione: il viaggio parte da San Cesareo in provincia di Roma, dove abito, per giungere a Monopoli, in Puglia; si tratta di quasi 500 chilometri di strada, 3 regioni, quasi 5 ore di viaggio. E nel percorso, in cui spesso abbiamo chiacchierato con Gigi confrontandoci su tutto, da quello che facciamo insieme all’economia solidale, ai g.a.s., alla nostra vita personale, alla filosofia e ai ragionamenti politici, non ho potuto fare a meno di guardare fuori dal finestrino questa Italia così mutevole nel paesaggio: dalle colline, ai monti, ai boschi, dai piccoli paesini arroccati su qualche monte, alle cittadine nelle piane, dalle fabbriche abbandonate e dismesse del “frusinate” e della Campania, alle pale eoliche della Puglia, immerse tra le valli in cui spiccano le rotoballe abbandonate al vento nel giallo intenso dei campi arati, fino al mare della costa adriatica pugliese, di un blu profondo, dai campi infiniti di ulivi alle masserie abbandonate, ormai ruderi di cui la natura va pian piano riappropiandosi. In cinque ore di viaggio mi è sembrato di scorgere gli effetti di tutto il bene e tutto il male dell’Italia, solo guardando dal finestrino del furgone.
E qui la terza riflessione, perché mi pare palese che il nostro paese viaggi a diverse velocità: per me, che mi trovo a viverlo dal nord al centro e al sud, per ogni ambito, che sia culturale, sociale o economico, ciò appare evidente e sotto certi aspetti anche preoccupante. A distanza di 152 anni dall’unità d’Italia non sembra d’essere nello stesso paese andando a Mantova, a Padova, a Roma e a Bari. Quella diversità di paesaggi, culture, arti che dovrebbe essere la nostra forza, il nostro valore unico e inimitabile, pian piano va appiattendosi sotto i colpi dell’economia globale, dal pensiero unico così ben definito dallo scrittore e giornalista spagnolo Ignacio Ramonet; nel mentre diviene sempre più evidente una diversità di economie, dal ricco nord al povero sud, in una degradazione sensibile allo sguardo, intollerabile e frustrante, che porta ad una impressionante diversa qualità e quantità delle relazioni economiche nei nostri territori.
E penso anche, da inguaribile ottimista con la volontà, che basterebbe “shakerare” l’ordine e la precisione della gente del nord con la convivialità e il calore della gente del sud, per avere un paese meraviglioso dove vivere tutti, nel benessere, benvivere e benavere!
Come può l’economia solidale portare a questo ambizioso obiettivo? Questa domanda mi porto dentro mentre raggiungiamo Monopoli, nella speranza di trovare risposte o almeno domande migliori di quelle con cui sono partito.
ulivo-secolareArriviamo venerdì 28 giugno a Monopoli, verso le 4 del pomeriggio: andiamo al volo alla masseria in cui pernotteremo (in cui, giusto per inciso, abbiamo incontrato subito i nostri “concorrenti” di “Risorse Future” con cui ci salutiamo rispettosamente e con un sincero sorriso sulla faccia: il potere mistico della solidarietà è incredibile, abbiamo preso entrambe la stessa masseria in cui alloggiare!). La strada per arrivare alla masseria è circondata da ulivi secolari (forse qualcuno anche millenario), che sia io che Gigi non possiamo non notare estasiati e incantati: sono lì, imperturbabili, contorti dalla vita eppure così vitali, emanano saggezza e austerità al medesimo tempo. Subito dopo andiamo verso il centro del paese e cerchiamo di capire dove si tiene il mercato (dove dobbiamo scaricare) e gli incontri: arriviamo fortunatamente subito al luogo del mercato, vicino al mare limpido e ceruleo, che si tiene proprio lungo una strada pedonalizzata che costeggia il mare fino al castello (che non avrò la fortuna di vedere) e subito la cultura da centro sud si palesa (Gigi non è abituato e tira giù qualche madonna in stretto dialetto veneto, ma io sì e non rimango così sconcertato, rimango anzi sommessamente divertito della sua incredulità 😉 ): non c’è parcheggio per scaricare, in 10 minuti netti noi espositori blocchiamo praticamente la strada del centro; c’è Nino Paparella di RES Puglia ad accoglierci che cerca di trovare soluzioni in ogni modo possibile, insieme a qualche altro volontario, tutti disponibilissimi, segno evidente di quel calore umano di cui parlavo più su; come per magia troviamo dove metterci con il furgone (ovviamente in sosta vietata, ma almeno non intralciando il traffico), proprio accanto a dove dobbiamo scaricare! Segno per me evidente del misticismo, il quale supera persino la disorganizzazione che attanaglia noi italiani del centro-sud, che avvolge tutta l’iniziativa.
rcip-monopoli-mareIniziamo quindi a svuotare il furgone e, dopo qualche ora Gigi si allontana (dopo aver sistemato tutto!) per andare ai seminari della prima giornata. Io rimango al mercato, cominciando a fare amicizia con gli altri simpatici “attori” dell’economia solidale. Di fronte a me il mare, è la prima volta che mi capita in un mercato di avere di fronte a me un panorama così incantevole (se penso ai mercati a Roma, nel caos della città, mi vengono i brividi) e mi rendo conto che già questo mi basta a rendermi felice d’esserci.

Incontro in tale occasione i miei amici e amiche della Rete G.a.s. Lazio, che poi ritroverò nei vari incontri, con cui scambiamo qualche battuta, sorridenti come sempre, ironici in maniera tipicamente romana.
Per questa prima giornata la vendita è minima, circa 8 paia di scarpe vendute, pur con tante persone a passeggio, soprattutto persone in vacanza; la stanchezza verso sera comincia a farsi sentire e, siccome il mercato finisce a mezzanotte e dobbiamo smontare tutto e ricaricarlo sul furgone, cerchiamo di sbrigarci a caricare: purtroppo non avevamo fatto i conti con la strada! Per uscire dal paese di Monopoli giriamo mezzo centro storico, passando a volte solo per pochi centimetri tra le strette e tortuose vie. Finiamo per arrivare distrutti alla masseria in cui alloggiamo, circa alle 2 di notte.
Sabato sveglia alle 8, penso che sia la prima volta, da quando ci conosciamo, che mi sveglio prima di Gigi: forse è l’entusiasmo e l’emozione di voler partecipare anche io al primo giorno per me dell’assemblea; la colazione è con frutta fresca del proprietario della masseria (ciliege squisite peraltro), che evito di mangiare tutte per poterne lasciare anche a Gigi. Partiamo quindi verso i luoghi degli incontri, sempre guardando affascinati gli ulivi seculari attorno alla strada. Facciamo una sosta per una seconda colazione, in cui non posso non rimarcare a Gigi la bontà nettamente superiore delle brioche del sud Italia, per far recuperare punti: al nord proprio non le sanno fare (o almeno dovunque sono stato io non sanno farle). Ci avviamo quindi allo splendido Palazzo San Martino, dove si terranno tutte le officine solidali (sono ben 18, 10 la mattina e 8 il pomeriggio). La mattina partecipiamo a “Economia solidale: un ossimoro?” dove, dopo una (forse un po’ troppo) lunga introduzione di Davide Biolghini, iniziamo a discutere, coadiuvati da una “facilitatrice” e questo è un punto importante: tutti gli incontri sono stati seguiti da facilitatori, ossia professionisti (volontari) che ci hanno aiutato a meglio chiarire e sintetizzare i temi dei nostri dialoghi.
Ora quindi riporto la relazione, sulla base dei miei appunti, su quanto è stato dibattuto (ve lo avevo detto che non sarei stato breve!).

palazzo-san-martino-sbarco-monopoli-2013OFFICINA “ECONOMIA SOLIDALE: UN OSSIMORO?”
Con l’introduzione di Davide Biolghini

1) INTERMEDIAZIONI: la diffidenza
– i g.a.s. sono abituati a fare volontariato e vedono con pregiudizio qualsiasi forma di intermediazione
– un esempio è stato il caso del produttore Tomasoni: l’intermediazione MAG venne vista male dai g.a.s., perché intermediari e limitando quindi il rapporto diretto con il produttore. Solo una parte dei g.a.s. si rivolse a MAG 2 (circa 30.000 euro), la restante parte di gruppi (circa 90.000 euro) tramite raccolta diretta e preacquisto (Sintesi-tomasoni-MAG2-GAS-DES-Venezia-09-12).
– solo il 2,3% dei g.a.s. usa intermediari, anche per quanto concerne la distribuzione. Ciò a volte non vedendo la difficoltà per i produttori di occuparsi anche della distribuzione.
– Diversi modelli di logisitica stanno emergendo in Lombardia, alcuni esempi sono:
Cooperativa InterGAS EQUOS di Varese (soli gasisti, da 5 a 7 tonnellate di fresco distribuite, tutto basato sul solo volontariato, 300 volontariati nell’arco dell’anno);
Cooperativa Corto Circuito di Como, hanno costituito una cooperativa produttori – g.a.s.;
Filiera Corta Solidale di Cremona, altra esperienza cooperativa.

2) MODELLO ORGANIZZATIVO: equilibri tra volontariato e lavoro remunerato
– La cooperazione sociale spesso è nata per coprire le carenze del settore pubblico, con ampissimo settore volontario. Va differenziata la cooperazione sociale sana e malata (quest’ultima in cui ci sono gestioni di quasi “capolarato”).
– L’esperienza del commercio equo solidale: le botteghe nascono fortemente basate sul volontariato. Poi c’è stata un’evoluzione, sulla necessità che si è palesata di organizzazione e professionalizzazione. Si costruiscono quindi le grosse centrali (avviene quindi un accentramento): nel peso economico le botteghe diventano meno importanti e si riduce la quota di volontariato.
Riflessione finale: l’aumento della complessità porta la degenerazione e la burocratizzazione, bisogna rimanere piccoli, porre dei limiti.

3) ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA: attori di cambiamento, certezza dell’acquisto da parte dei consumatori
Progetto “Made in no”: riflessione su cosa sono le imprese solidali. Il progetto nasce da un possibile patto d’azione comune tra g.a.s. e produttori. Debbono esserci patti stringenti (di responsabilità specifiche) per costruire imprese sociali, tra g.a.s. e imprese, come sta avvenendo con l’esperienza del Distretto di Economia Solidale Rurale parco sud di Milano.
– Per i modelli organizzativi cosa proponiamo di nuovo?
– Dobbiamo creare comunità sostenibili con una responsabilità sociale rispetto al territorio; siamo “attori di cambiamento” e non solo più produttori o consumatori, dal momento che cerchiamo di valorizzare il capitale delle relazioni.
– Il rapporto tra lavoro volontario e remunerato deve essere discusso senza pregiudizi, deve essere messo a tema. Altrimenti finiamo come gli altri (come ad es. la Lega COOP), a scimmiottare il sistema capitalistico.
Esperienze positive al riguardo: “BuonMercato” nasce come super-g.a.s., rivolto direttamente ai cittadini. Dentro ci sono sia “gasisti” volontari che 3 operatori pagati (sono soci), pagati con un rincaro tra costo d’acquisto dei beni e prezzo d’acquisto da parte degli aderenti (il 10%). Anche il progetto “Corto Circuito” di cui sopra è un esperienza positiva in tal senso.

DIBATTITO
Parla Gianluca Bruzzese, del progetto “Made in No” (abbigliamento intimo): non siamo riusciti ad avere una relazione continuativa con g.a.s./d.e.s.. Siamo stati obbligati a fare lavoro straordinario (ad es. mercatini di domenica), di distribuzione, che ha aumentato la fatica. La remunerazione è così diminuita. I g.a.s. vogliono un miglior servizio distributivo, senza capire quale, noi azienda non siamo in grado di rispondere a tali esigenze. La dimensione industriale ci impone quantitativi non minimi. Nella domanda chiara delle esigenze degli acquirenti la filiera produttiva diviene facilitata. Per ora le domande sono molteplici e differenti.
Parla Gigi Perinello, del progetto “Ragioniamo con i piedi” (calzature): uno dei problemi fondamentali è che noi non abbiamo un’azienda che nasce per i g.a.s., ma che è in crisi e cerca di ristrutturare la propria proposta per soddisfare le esigenze dei consumatori consapevoli (garantendo sostenibilità ambientale e del lavoro). Relazionandosi con marchi e g.d.o. le aziende come Astorflex si sono trovate a rispondere alle esigenze di tali attori e su questo si sono modellate e strutturate.
La trasformazione (riconversione) non è immediata (altrimenti sarebbe necessario il licenziamento di molti lavoratori, contrario quindi allo spirito solidaristico), ma graduale.
Nel caso della scarpa ci sono 20-30 componenti e 20-30 aziende coinvolte: se non abbiamo la forza di coinvolgerle in un pensiero solidale, non potremo essere efficaci.
Utilizziamo materiali costosissimi e per questo costano in un certo modo, hanno bisogno di una diversa comunicazione che sappia narrare tutti i fattori.
– Non essendo nate tali aziende con i g.a.s. troviamo aziende già strutturate, che non cambiano in un giorno: se pretendiamo che lavorino solo per noi, dobbiamo garantire l’acquisto totale della produzione. Altrimenti bisogna affrontarlo come un percorso. C’è anche un problema di prezzi e di rapporti con i produttori delle materie prime e semi-lavorati (che vanno pagati prima della produzione): noi ci troviamo a finanziare i nostri fornitori.
Dobbiamo capire come affrontare la distribuzione: servono sistemi gestiti dai g.a.s., che fungono da garanti, perché le aziende non possono sostenere anche la distribuzione.
Parla Fabio Fortuna, del progetto “Risorse Future” (calzature): sono d’accordo con Gigi. Noi abbiamo investito da 3 anni in ricerca e sviluppo sui materiali, con un costo non indifferente. Se dobbiamo investire in tutto ciò, dobbiamo avere un riscontro da parte dei g.a.s. (che attualmente rispondono al 1% delle nostre comunicazioni), altrimenti non c’è non c’è il ritorno economico sufficiente per poter andare avanti. Abbiamo 8 operai, 4 persone di famiglia, 2 persone saltuariamente. L’azienda era nata 50 anni fa, con la concorrenza della produzione e distribuzione cinesi stavamo andando verso il fallimento. Siamo partiti da 3 anni con i g.a.s.. Stiamo cercando di ripartire ad es. dalla canapa, il grezzo lo compriamo in Romania pagandolo prima, la filatura la facciamo in Italia. Il costo caro che viene rimarcato dai g.a.s. è perché non c’è comprensione della filiera e dei costi. Il problema è la diffidenza, che può essere superata solo con il confronto.

Consorzio produttori agricoli Basilicata: 350.000 az. agr. in tutta Italia; molte aziende agricole sono nate e cresciute grazie anche ai contributi pubblici. Non è possibile per l’economia solidale competere con la loro crisi (la crisi del sistema dominante, il capitalismo e il liberismo).

D.E.S. Reggio Emilia: la difficoltà è riportare le nostre riflessioni sul territorio. C’è bisogno di organizzarsi a livello distributivo: i g.a.s. possono organizzare mercatini temporanei per tale livello.
Il discorso volontariato/lavoro si riflette spesso nel ritrovarsi in pochi, se basato solo sul volontariato. L’organizzazione con operatori remunerati come cooperative, con il coinvolgimento del lavoratore volontario, può essere un buon modello da adottare.

Parla un signore, Giovanni: porta l’esempio di una banca dei Paesi Baschi, che esiste da 45 anni, lavorando a stretto contatto con diverse imprese del territorio, come esempio della riflessione sulla necessità di lavorare in rete. L’impresa è importante per il territorio, perché ha un valore sociale, quindi la difficoltà viene affrontata insieme al territorio. Non siamo coscienti completamente del nostro agire, perché abbiamo paura di prenderci responsabilità. Ci mancano le risorse per organizzarci insieme. Stiamo cercando di creare un fondo di solidarietà a tal fine, perché servono soldi per organizzarci meglio: e spesso piuttosto che fare fondi finiamo per andare dalle banche, dagli istituti di credito, dell’economia di mercato, così degenerando il nostro circuito virtuoso.

Gas Pinerolo, Paolo Bertoli: stiamo ragionando sul d.e.s., siamo agli inizi. Si vede spesso il d.e.s. come sviluppo del territorio, ma noi non abbiamo questa ambizione. Non vogliamo creare economia, ma qualcos’altro. Dobbiamo creare una moneta diversa già da subito, dobbiamo abbandonare la moneta tradizionale, lo scambio economico così come è attualmente. Dobbiamo inziare a trovare un’altra crescita, che non sia solo sviluppo economico.

Pietro (aderente ad un g.a.s.): rapporto volontariato/lavoro. Ora il volontariato sostiene un’economia che da sola non si sosterrebbe. I g.a.s. sono una distribuzione che mantiene il prezzo equo, basandosi proprio sul volontariato. Il volontariato sostiene ora la giusta remunerazione di chi è retribuito.

Ada: ci sono tanti livelli diversi, non serve guardare un percorso o una strategia giusta. Nei g.a.s. si crea coscienza, si cresce, si provano modelli organizzativi: è difficile metterli in atto, dobbiamo investire sul fare formazione all’interno. Stiamo sperimentando modelli diversi, dobbiamo rimanere aperti, ma rigorosi. Spesso il g.a.s. è uno sfruttamento di poche persone, che lavorano per tutti. Il vero modello del lavoro volontario, che vede una partecipazione di tutti, in maniera ben organizzata, è il vero lavoro volontario, da cui ancora siamo lontani. Dobbiamo ancora sperimentare molto, non abbiamo modelli già definiti e ben sperimentati.

Eleonora (GASP Frosinone): vedo ciò che dice Ada anche nel nostro g.a.s.. Ciò è legato ad una mancanza di visione, manca una progettualità di quello che si sta facendo. Molti usano il g.a.s. a beneficio personale, ogni qualvolta si tenta di effettuare un percorso di processo ci viene detto che stiamo correndo troppo. Dobbiamo accettare i tempi lenti. La mia esperienza nelle scuole con RESSUD, quando ho tirato le somme del monitoraggio ho scritto le spese effettuate (pagate dai singoli, dalle cooperative, etc.) e le ho inviate a tutto il g.a.s., non per chiederne un rimborso, ma solo per farne prendere coscienza: è giusto che siano solo alcuni a pagare tali spese? Come possiamo sostenere in maniera etica tali spese, equamente tra tutti?

Laura (g.a.s. di Cremona, da cui è uscita per costruire il progetto “Filiera Corta Solidale”): pongo dubbi più che dare risposte, non sono uscita dal g.a.s. per una visione incompatibile, ma diversa. Non sono salutista, ma il mio interesse è stato aprirsi all’esterno, alla società, buttare giù dei muri e superare i limiti che tengono le persone lontane. Quindi abbiamo organizzato una distribuzione che ha dato servizi, rendendo più accessibili queste pratiche alla cittadinanza.
Sul rapporto fiducia/diffidenza: il progetto non è nato per i g.a.s. del territorio, c’era la speranza di creare sinergie (non avvenute) su prodotti che vengono da lontano. Il target sono sempre state le famiglie che al g.a.s. non si sarebbero avvicinate. Ai g.a.s. non interessa il nostro progetto, perché veniamo visti come intermediari. Dall’altra parte Filiera Corta è un rapporto di fiducia, avendo elaborato disciplinari di produzione. Sul rapporto volontariato/lavoro: solo da un anno sono retribuita, faccio tanto lavoro volontario ancora oggi (lavoro 9/10 ore al giorno, tra retribuito e volontario). Le mie frustrazioni sono, sì l’avere un comparto di volontari (ad es. nel fare cassette è indispensabile), ma la mancanza di una partecipazione che sia ad un livello più alto, di prospettiva, di fare impresa (ci scommettiamo tutti o solo io?). Bisogna trovare un equilibrio giusto.

Giuseppe SOS Rosarno: si è persa la nobilità del lavoro volontario, che non si deve perdere.

RIFLESSIONI PERSONALI
Siamo stretti tra la necessità e l’urgenza di un nuovo modello e la lentezza necessaria a sviluppare i nostri modelli. Forse dobbiamo rischiare di più e velocizzare.

La questione è culturale, è d’azione legata ad una cultura che bisogna diffondere (qui è determinante la comunicazione).
Il volontariato deve essere un diritto e perché lo sia c’è bisogno di lavorare remunerati 5 ore al giorno. Tanti gasisti non riescono a partecipare soprattutto perché non ne hanno il tempo, non tanto perché non vogliono fare volontariato; e cadrebbe ogni giustificazione lavorando 5 ore al giorno.

Dobbiamo passare dai G.A.S. (gruppi d’acquisto solidale) ai P.A.D.S. (produzione acquisto e distribuzione solidali), in cui tutti gli attori dell’economia solidale sono coinvolti in un’unica realtà territoriale.
Per arrivare a ciò dobbiamo lavorare nell’economia solidale, riflettendo su:

– Quello che consumiamo è il lavoro che troveremo, quello che produciamo sono i prodotti che troveremo.
– Nella filiera solidale il produttore è parte debole e il consumatore parte forte, rispetto all’economia di mercato. Quindi l’assunzione di responsabilità del consumatore sull’acquisto è determinante, così come la trasparenza del produttore; per entrambe il confronto, nonché lo stare assieme, dalla stessa parte, è la soluzione e la sintesi.

Se siete arrivati fin qui singifica che già avete smesso di lamentarvi della lunghezza della mia relazione, forse trovandovi (spero) qualche spunto interessante e qualche utilità.
Ricomincio la mia narrazione dalla pausa pranzo: nel cortile del palazzo ci ritroviamo tutti (saremo almeno 200-300 persone), iniziando a fare la fila per mangiare il pasto preparato dalle persone della R.E.S. Puglia (a cui va tutto il mio personale ringraziamento per essere riusciti nella difficile organizzazione: vi abbraccio uno per uno).
E si chiacchiera, instancabilmente, tutti abbiamo tanto da dire, tanto da ascoltare, è palpabile la necessità del confronto, la necessità di relazionarsi portando ognuno le proprie esperienze.
Il tempo è poco rispetto a quanto ne vorremmo, ma ci sono le officine solidali del pomeriggio che debbono cominciare, altrimenti non si fa in tempo.
E quindi ecco che vi beccate subito, nemmeno il tempo di digerire la prima, la seconda relazione: ho partecipato (con rammarico, perché avrei voluto partecipare a tutte: tra qualche anno dovrà durare 10 giorni lo Sbarco G.a.s./d.e.s., così potrò farlo e sarà segno evidente del successo del nostro movimento!) a quella sui “Sistemi partecipativi di garanzia”.

OFFICINA “SISTEMI PARTECIPATIVI DI GARANZIA”

D.e.s. Brianza racconta la propria esperienza di formazione sui sistemi di garanzia partecipata: i costi dei progetti sono stati coperti con un finanziamento, ora stiamo pensando a come auto-finanziarci. Il fine è stato far sì che le comunità riconscessero ai produttori uno status di produttore certificato, partendo come base dal rispetto dei disciplinari biologici. Con i tecnici, consumatori e produttori abbiamo stabilito dei criteri condivisi, dei disciplinari specifici alle esigenze degli attori solidali. Il progetto è durato un anno. Si sono formati, durante le riunioni, dei gruppi di lavoro, per stabilire delle procedure (visite, manuali di visita (domande da fare al produttore), etc.). I manuali di visita di Des Brianza sono già pubblici (http://des.desbri.org/news/pgs-al-via-prime-visite-sperimentali-ai-produttori).

D.e.s. Parma: abbiamo organizzato una distribuzione sul territorio dei prodotti ai cittadini, attraverso un mercato periodico, una Piccola Distribuzione Organizzata. È in tale ambito che è sorta la questione dei SPG (sistemi partecipati di garanzia). È nato tutto dall’esigenza di produttori e consumatori di avere qualcosa in più della garanzia standard del biologico, in cui si lamentano sia i primi che i secondi, nonché i problemi del fatto che il certificatore è pagato dal produttore, etc.. Abbiamo cercato di capire sul territorio cosa fare per trovare dei meccanismi per capire cosa vogliono entrambe, attraverso degli incontri (ad es. sul lavoro, che non è contemplato nel disciplinare). Esigenze del produttore: non si vuole certificare perché non si riconosce nei disciplinari bio o perché vuole una garanzia in più, il consumatore vuole potersi fidare se quanto dichiarato è veritiero. Per questo ci sono i percorsi di visita, sia con consumatori che con un produttore affine, anche per effettuare le schede produttore. La nostra garanzia è anche una responsabilità, poiché per legge non possiamo dare una garanzia con valore legale. Facciamo schede produttore e schede di visita. Stiamo cercando di semplificarle al fine di renderle comprensibili ai consumatori e facili da compilare per il produttore. Abbiamo chiesto un finanziamento a Cariparma, per avere una persona che fa lavoro di coordinamento sul progetto (non è un tecnico, ma ha esperienze di rete g.a.s./d.e.s.): abbiamo ottenuto 10.000 euro per tale persona (il 75% dei costi). Abbiamo scelto la fondazione Cariparma perché le fondazioni hanno l’obbligo di destinare a bando dei fondi, cosa che la Regione non ha (non ci sono bandi su questo settore). Tutti i documenti saranno pubblicati sul sito di D.E.S. Parma. Tale strumento lo diamo a disposizione ai g.a.s. del d.e.s. che, se vogliono, possono usarlo nel proprio gruppo.
Altra esperienza, “Campi Aperti” di Bologna, già pubblicato on-line: http://www.campiaperti.org

Arcipelago Siqillyàh: Come Arcipelago Siqillyàh facciamo una volta al mese un incontro tra tutti, dove si dà anche un veloce occhio all’azienda presso cui ci incontriamo.
Dobbiamo stare attenti al valore che diamo alle analisi chimiche: le analisi difatti vengono fatte sui prodotti chimici conosciuti in Italia (se ad es. si usa un prodotto chimico preso dall’estero, nelle analisi non si trova; oppure si supera il periodo di latenza del prodotto e quindi non vi è traccia nelle analisi).

G.a.s. Gasper, percorsi di certificazione partecipata: siamo partiti dalla riflessione che è necessaria una cultura in continua evoluzione del percorso produttivo naturale e etico. Dobbiamo considerare che le analisi del processo produttivo dipendono dal tipo di azienda e dalla sua dimensione, non possono essere tutte uguali. E comunque va sempre considerato che è un percorso, un diario, che si basa sulle reciproche informazioni, sulla totale trasparenza del produttore, sull’aiuto che noi g.a.s. possiamo dare (ad es. pagare i tecnici al posto del produttore), mettendoci dalla stessa parte.
I nostri percorsi sono aperti ad altri g.a.s. e al territorio.
La convivialità, tra dati e schede tecniche, rimanendo poi a cena insieme, è stato l’aspetto prevalente che ha reso meno faticosi gli incontri.
Il nostro scopo, la nostra “utopia”, è arrivare ad una cultura della produzione etica basata sul dialogo, dove le certificazioni non siano più necessarie, dove non esista più la distinzione tra “produttore” e “consumatore” così come la concepiamo oggi.

QUESTIONE FONDAMENTALE
Come far conoscere e comunicare a tutta la cittadinanza questi sistemi di garanzia?

Finita l’officina vado a montare lo stand, con tante idee in testa e anche il buonumore: sì, perché provo un immenso piacere a parlare di come essere economia solidale, di come sperimentare nuove pratiche virtuose che ci diano sempre maggiore consapevolezza del percorso intrapreso e ci aprano nuove strade da intraprendere.
Questa volta va meglio, vendiamo circa 16 paia di scarpe durante tutta la serata, parliamo con molte persone spiegando il nostro progetto, cosa facciamo, come e quali sono i nostri obiettivi: primo tra tutti dimostrare che si può lavorare in Italia, con i migliori materiali naturali disponibili, riducendo l’impatto ambientale della produzione, garantendo i diritti dei lavoratori e mantenendo un prezzo equo delle scarpe. Tra me e Gigi al riguardo non c’è mai alcun dubbio: l’unico modo per uscire dalla crisi del sistema è la decrescita felice e serena, rilocalizzando, decolonizzando le menti, ricreando relazioni di valore e considerando le aziende un valore sociale dei territori e non meri impianti di produzione. Un’azienda è un intreccio di tradizioni, esperienze di vita, saper fare, relazioni umane e con l’ambiente, non è solo produzione, prodotto e distribuzione.
Verso le 23 il tempo comincia a cambiare, si alza il vento e Gigi capisce, con il suo sesto senso (a cui io in questa occasione do poco ascolto, purtroppo), sorto dalle varie esperienze di diluvi passate, che sta per arrivare un temporale: si scatena il putiferio, viene giù tanta di quell’acqua che si creano fiumi per le strade, iniziamo a caricare il furgone per salvare le scarpe e le scatole di cartone riciclato che le contengono, finiamo di caricare che siamo completamente zuppi dalla testa ai piedi. Diamo protezione sotto il nostro stand a qualche persona, mentre ci riposiamo un poco dopo la faticaccia, attendendo che spiova un minimo. Infine smontiamo anche lo stand, siamo rimasti praticamente solo noi, con un’altra “avventura” da raccontare nel nostro difficile e faticoso, ma entusiasmante percorso.
Andiamo quindi a bere qualcosa, io volevo una birra, Gigi prende uno yogurt (lui è più “salutista” di me): questa volta passiamo in contromano dalla strada in cui siamo venuti, per non finire un’altra volta un’ora a girare il centro storico di Monopoli!
Arriviamo ad una piazza grande, in cui c’è un bar abbastanza “chic”, in cui entriamo tutti belli zuppi, facendoci strada tra giovani e meno giovani vestiti di tutto punto, con una musica tecno commerciale veramente insopportabile. D’altronde è il primo che abbiamo trovato aperto, poco importa. Torniamo alla masseria ancora più stanchi del giorno prima e con una certa ansia per via dell’acqua che hanno preso i prodotti, ma ci penseremo domani, ancora pieni delle parole ascoltate e dette, dei ragionamenti e delle sensazioni regalateci dall’assemblea.

E arriva la domenica: niente mercato oggi, ci sono gli incontri di ambito e l’assemblea plenaria, in cui i facilitatori relazioneranno sinteticamente sul lavoro delle officine e degli ambiti.
Ecco la mia sintetica relazione dell’ambito a cui ho preso parte.

Ambito “Produzione e trasformazione: filiere no-food”
Si sente l’esigenza della facilitazione, perché i ragionamenti possano andare avanti a livello nazionale. Perciò potrebbe essere necessario effettuare una quantificazione economica di tale servizio, ad esempio partendo dall’avere una o due persone a part-time.
Si riflette altresì sul fatto che possa però essere critico e potrebbe allontanare dalla partecipazione l’avere dei responsabili a livello nazionale remunerati.
È necessario comunque innanzitutto fare rete a livello regionale, lavorare concretamente a tale livello.
È strategico trovare un contenitore nazionale dove tute le elaborazioni regionali vengano condivise.
Bisogna maturare la compartecipazione dei vari attori, produttori, consumatori, distributori, attraverso patti dove le responsabilità vengano condivise. In tale ambito ci devono essere momenti di confronto periodici dove le criticità degli attori si possano affrontare insieme.
È necessario lavorare dal basso, coinvolgere per arrivare ad essere massa critica.
L’esempio pratico di Retenergie: 500 contratti ad oggi, il massimo a Parma, dove c’è la questione dell’inceneritore. C’è ne aspettavamo 10.000.
L’esempio pratico di Made In No: buona parte di quanto abbiamo prodotto non ha poi trovato riscontro nell’acquisto da parte dei g.a.s..
Il problema sono le scelte individuali all’interno dei gruppi, che in ambito no-food ancora non mutano.
Si pensa di creare una sorta di bollino di qualità per i produttori certificati dai g.a.s..
Serve una promozione dal basso fondata sulla relazione. Bisogna superare la diffidenza su alcuni prodotti, soprattutto nei servizi.
Promozione dei produttori da parte di d.e.s. e g.a.s., contratti da sottoscrivere nell’immediato (ad es. nelle riunioni dei g.a.s.) per i servizi, organizzazione di mercati temporanei per vendita diretta dei prodotti no-food, diffondendo così l’economia solidale tra tutta la cittadinanza.
Il mercato deve essere un’officina, un luogo dove si attua l’informazione e il dialogo tra attori dell’economia solidale.

Ecco la sintetica relazione dell’assemblea plenaria, in cui vengono riportate le riflessioni degli ambiti.

SBARCO-2013ASSEMBLEA PLENARIA

“Produzione e trasformazione: filiere food”
Lavoro sui territori, priorità nazionale. Appuntamento in autunno come tavolo agricoltura.
No Ogm: sono attive due petizioni; promozione nelle regioni dove si sta legiferando nel merito.
Formazione degli agricoltori su agricoltura naturale, in particolar modo verso le aziende che rischiano di chiudere. Accesso alla terra e terreni demaniali a disposizione dell’agricoltura naturale.
Lavorare sulla costruzione di filiere, con reti tra consumatori e produttori. Elaborare patti di responsabilità reciproca.

“Produzione e trasformazione: filiere no-food”
Esigenze diverse dal food su servizi, settore più difficile perché c’è molta diffidenza.
Sul prodotto no food (tessile e scarpe), c’è un problema di complessità della filiera e in alcuni casi l’impossibilità per ora del totale biologico.
Necessità di strutturarsi a livello regionale è una priorità strategica.
Servirebbero dei facilitatori di processo a livello nazionale, pagati; nel frattempo il processo viene promosso da parte del gruppo gas/des.
Incontro tra produttori per proposte.
Informazione e promozione sui prodotti.
Il mercato come officina informativa e di dialogo.
Compartecipazione e promozione dal basso.

Distribuzione
Soggetto nuovo, un d.e.s. in cui ci siano produttori, gas, lavoratori, botteghe e che si occupi di:
– Gestione di un trasporto sostenibile.
– Gestione distribuzione: gas, mercati, negozi, spacci.
– Giusto equilibrio tra lavoro retribuito e volontari.
Mettere a confronto le realtà che già esistono e farle conoscere.

Nuove relazioni territoriali e istituzionali
Ripensare la proprietà sociale.
Ragionare sulla proprietà di spazi e di saperi. La proprietà dal punto di vista della sua funzione sociale.
20-21-22 settembre incontro a pisa sul tema della proprietà: allargare la partecipazione degli attori sull’iniziativa. Strumenti: mailing list, sito “comune-info”.
Gruppi di lavoro su leggi regionali: a livello nazionale già esiste, va coordinato con le realtà regionali.
Gruppo sulla formazione e sull’approfondimento, promosso da Davide Biolghini.

Produzione: servizi
4 ambiti con già tavoli di lavoro attivi.

Misurare l’economia solidale
Bilanci di giustizia con i g.a.s., bilancio bene comune con fornitori.

Finanza etica
Promozione prodotti comuni. Progettazione. Formazione informazione. Tavoli regionali. Richiesta: soggetto giuridico nazionale.

Scuola
Commissioni locali con soggetti solidali per proporre alle scuole i progetti.
Sbarchi in piazza nelle scuole.

Comunicazione
Portale web di riferimento da progettare e sperimentare. Deve permettere di comunicare all’interno e essere una vetrina per l’esterno.

Proposte in assemblea plenaria per prossimi incontri nazionali
Assemblea a marzo-aprile per consentire ai produttori agricoli di poterci essere.
Considerare la fiera/mercato come un’officina solidale.
Più momenti di convivialitá (mia riflessione, che analizzo alla fine).

Richiesta d’aiuto della rivista altreconomia. Sostegno sottoscrivendo un abbonamento come g.a.s.. Proposta di integrarlo quale soggetto che aiuti nella comunicazione dell’economia solidale.

RIFLESSIONI PERSONALI FINALI
A distanza di dieci giorni dell’assemblea, ancora pieno di pensieri, sensazioni, vivendo un’euforia generalizzata derivante dalle relazioni avute di grande umanità, con persone di ogni parte d’Italia, mi vengono in mente alcune ulteriori riflessioni.
La riflessione principale che mi viene in mente è quella di curare maggiormente l’aspetto conviviale, che in parte ho sentito mancare durante l’assemblea: di certo la situazione generale italiana non è delle migliori, tante le incertezze sul futuro e, visto che in tale contesto si ha un’elevata consapevolezza del fatto che il problema è sistemico, è ovvio che lo scoramento e la preoccupazione possano prendere il sopravvento: non si cambia sistema da un giorno all’altro, ci vogliono ancora anni di duro lavoro e di lotte!
Però credo fermamente che, ciò che possa veramente coinvolgere i nostri concittadini a credere nei percorsi che proponiamo, sia soprattutto l’aspetto gioioso, il fatto che tutti i nostri ragionamenti derivino dall’amore per gli esseri umani e per l’ambiente, da una naturale propensione come esseri umani alla vita sociale e conviviale, propensione che l’attuale cultura dominante ha soppresso in gran parte, ma che è insita nel nostro stesso vivere ed essere vita.
Un sistema freddamente razionale come quello dell’economia liberista, può essere secondo me sostituito da un sistema di economia solidale solo se saremo in grado di farne emergere gli aspetti che riguardano la felicità umana, un qualcosa che include la logica, ma che necessita anche dell’emersione del lato emotivo, giunto al raziocinio.
Se dimentichiamo l’ambito emotivo delle nostre esistenze, dimentichiamo la parte che ha permesso al sistema economico attuale di esistere e diventare tale: in tale sistema l’inganno è stato generato dall’euforia dell’avere, dal divertimento effimero del possedere, dalle mille lucine colorate che ci hanno ammaliato, dall’intrattenimento lucidamente organizzato, finalizzato all’acquisto.
La vera battaglia si terrà proprio secondo me su questo fronte: l’economia solidale deve dimostrare di poter dare maggior felicità al genere umano, nel suo agire quotidiano, rispetto all’economia di libero mercato, perché possa essere considerata dai più come migliore, come un progresso.
A poco secondo me serviranno le speculazioni riguardanti la sostenibilità ambientale della produzione, le riflessioni sul capitale delle relazioni, che sono beni intangibili, se non riusciremo ad esprimere in maniera tangibile che l’economia solidale nasce e cresce per aumentare e assecondare la gioia di vivere di ogni singola persona.
Nel piccolo mondo del mio g.a.s., il Gasper, abbiamo già vissuto l’evoluzione da un sistema razionalmente organizzato, che ha portato ad un periodo di crisi qualche anno fa, per evolverci ad un sistema emotivamente e umanamente coinvolgente, che ha superato la crisi attraverso la creatività e l’impegno di ogni singolo; ciò partendo da un percorso che ci ha portato a creare un contesto di convivialità privo di conflitti, dove le problematiche sono state affrontate con soluzioni che, solo vivendo insieme momenti piacevoli, siamo riusciti a superare efficacemente e rimanendo uniti.
E lo stesso sta avvenendo all’interno della Rete g.a.s. Lazio di cui facciamo parte.
Il rispetto delle idee altrui, le reciproche relazioni di stima e amicizia, la sperimentazione senza pregiudizi, ma basata sulla fiducia e sul dialogo sincero, sono i fattori che ci stanno portando verso lidi migliori, verso una migliore organizzazione del nostro agire, verso maggiore concretezza.
Nel percorso con “Ragioniamo con i piedi” sono stati i sorrisi, il dialogo, l’ironia nel mezzo della fatica, che ci ha permesso di resistere ed esistere ancora, apprezzati dai nostri “acquirenti” non solo per la qualità dei prodotti che vendiamo, ma anche dalla sincerità e trasparenza con cui ci siamo sempre rapportati, dalla creatività con cui abbiamo sempre cercato di reagire alle difficoltà che abbiamo incontrato.
Tutto si è mosso e si muove, tanto nel Gasper quanto in R.C.I.P., grazie all’emersione del nostro profondo senso di umanità, ascoltando il più possibile le sensazioni, le emozioni, le impressioni e le riflessioni delle persone con cui siamo entrati e entriamo in relazione. E sono felice e orgoglioso di farne parte.
Nel nostro percorso di attori dell’economia solidale ci avviciniamo spesso alla tradizione e all’esperienza agricola e contadina, recuperandone i valori in ambito produttivo, mettendo però forse in secondo piano un’unica cosa di tale tradizione: organizzare più feste, più momenti non di riflessione, ma iniziative che promuovano il piacere di stare insieme per il solo fatto di stare insieme, per ritrovare quella comune umanità che ci consente di sentirci vivi e felici di esserci, proprio qui e ora.
Ultima riflessione (giuro che ho terminato!) è quella di aver visto un’età media elevata all’assemblea (pur se tanto spirito giovanile l’ha permeata dall’inizio alla fine). Dobbiamo far sì che il coinvolgimento dei giovani sia maggiore: i giovani sono il futuro, sono energie fisiche e mentali a non finire, se non siamo in grado di coinvolgerli non riusciremo nel nostro intento di portare l’economia solidale ad assurgere come modello e direzione da seguire per il futuro dell’umanità. E sono certo che l’aumentare i momenti di convivialità, di gioia collettiva, potrà aumentare sensibilmente la partecipazione giovanile.
Grazie di essere arrivati fin qui nella lettura, spero sia stato utile almeno a qualcuno tutto questo mio scrivere.
Spero che sia emerso tutto il mio profondo amore, rispetto e stima per tutte le persone che ho incontrato. Spero che saremo sempre di più, fino a coincidere con l’umanità intera. Credo fermamente nella possibilità concreta di un futuro di pace e amorevolezza per il genere umano, lotterò tutta la vita nel mio piccolo perché ciò si realizzi nel più breve tempo possibile: è la più intima natura dell’essere umano, consapevoli di essere parte del tutto, che indicherà la strada giusta da seguire, che porterà a costruire una società includente e accogliente, non dobbiamo averne dubbi.

Dario Pulcini – 9 luglio 2013

Condividi
Categorie
Ambiente Culture Società Umanesimo

XVII RIVE 2013 – Ecovillaggi: semi di cambiamento

Il XVII raduno Rive (Rete Italiana Villaggi Ecologici), torna dal 25 al 28 luglio all’ecovillaggio “il Vignale” in Lazio (Blera, VT). Sono otto anni che sogno di fare un ecovillaggio in provincia di Roma: per ora siamo già un buon numero di persone che ci ragioniamo e ci confrontiamo, però il percorso è ancora lungo. Ma non demordo, credo fermamente che vivere in un ambiente rispettoso della natura e degli esseri viventi che vi abitano, cominciando proprio dagli esseri umani, sia l’unico futuro possibile di felicità per l’umanità. Quindi sarò al raduno i primi due giorni, poi dovrò andar via per lavoro, ma almeno potrò conoscere le esperienze già avviate in Italia e capire sempre meglio come rendere concreto e reale tale sogno. Partecipate anche voi!

Condividi
Categorie
Agricoltura Ambiente Culture Economia News Società Umanesimo

XIII Incontro nazionale dell’economia solidale

Viaggiamo tutti insieme verso un’economia basata sulla solidarietà e sulla cooperazione, sul dialogo e sulla partecipazione, sull’amicizia, sul rispetto e sull’amore reciproco!

SBARCO-2013
CLICCA PER INGRANDIRE
Condividi
Categorie
Agricoltura Ambiente Culture Economia Società

25 maggio 2013 festa de “Il Pianeta Verde” Amelia (Terni)

Questo sabato sarò a Amelia con le scarpe ecologiche del progetto Ragioniamo Con i Piedi, per cui orgogliosamente lavoro. Sono stato invitato, dal g.a.s. di Amelia, alla festa di 4 anni dall’apertura del Pianeta Verde, spazio polifunzionale aperto dall’associazione no-profit Arcobaleno. Ospita produttori, gruppi d’acquisto solidale, prodotti del commercio equo, detersivi alla spina, eventi culturali, sportelli informativi per i cittadini e molto altro. Chi è della zona deve assolutamente partecipare!

25-maggio-amelia

Condividi
Categorie
Ambiente Economia

Mercato Ecoamico domenica 19 maggio 2013

mercato-ecoamico-17-03-13-low
Clicca per ingrandire

Domenica 19 maggio 2013 si terrà la quinta edizione del mercato “Ecoamico”, organizzato dal g.a.s. Gasper a San Lorenzo, di cui faccio orgogliosamente parte e di cui sono coordinatore. Si terrà nell’incantevole galleria di architettura “Come Se”, in Via Dei Bruzi 4/6.

L’iniziativa comincerà alle ore 15 per finire alla sera. Parteciperanno produttori e artigiani eco, equi e felicemente decrescenti, pronti a raccontare la loro storia, la loro etica, chi sono, cosa fanno e come.
Questi gli espositori presenti:
– Puccio, cinte e riciclo, accessori fatti con le gomme delle bici
– Sara, fantasie in carta, accessori artigianali per l’abbigliamento
– Astorflex, scarpe ecologiche e etiche
– Herba Sapiens, prodotti di cura e cosmesi naturali
– Mireille, sapone nero, karkadè, burro di karité, bio e equi
– Silvia, intrecci naturali di cesti e cestini
– Il pianeta verde, saponi artigianali naturali
Dalle 19 ci sarà l’aperitivo biologico del grande chef anarchico Luca e verremo piacevolmente inondati dall’ottimo vino biodinamico dell’azienda Menicocci: c’è anche l’acqua per chi non beve alcolici, non vi preoccupate 🙂

Non potete mancare!

Qui l’evento su Facebook: https://www.facebook.com/events/456315854460590/?fref=ts

Condividi
Categorie
Ambiente Società

Jungo – l’idea buona che ti fa arrivare dappertutto!

Il drammaturgo irlandese  George Bernard Shaw diceva che “se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un’idea, ed io ho un’idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee”.  Oggi ho avuto la fortuna di incontrare un ragazzo, Luca, che fa parte di un’associazione, Jungo, la quale sta portando avanti un progetto innovativo: autostop certificato!

Jungo è un “sistema autogestito di mobilità urbana ed extraurbana che “sfrutta” il flusso di automobili già in movimento. In pratica la rete stradale per Jungo non è altro che una serie di nastri trasportatori linkati fra loro e già pronti per l’uso“. Geniale! In pratica ti iscrivi all’associazione, sia che tu voglia fare l’autostoppista, sia che tu voglia dare passaggi con la tua auto ad altri. L’associazione certifica che tu non sia un malfattore (controllando con costanza il tuo certificato penale), ti dà la tua tessera da “junghista” e… Il gioco è fatto! Basta che mostri la tua tessera in strada, al posto del classico pollice alzato e potrai ricevere un passaggio da chiunque voglia farlo: se l’automobilista è “junghista” inoltre sarai sicuro di poter viaggiare in sicurezza. Difatti con un semplice sms potrai controllare che l’automobilista non abbia precedenti penali significativi e che non abbia segnalazioni negative da parte di altri utenti di Jungo.

Tanti i benefici tangibili:

1. L’automobilista può arrivare a viaggiare letteralmente gratis, ammortizzando le spese di carburante e anche più (a seconda di quante persone trasporta con sé), per via del rimborso chilometrico previsto (20 centesimi fissi, più 10 centesimi al chilometro)

2. Diminuiscono le automobili circolanti con un solo passeggero/guidatore, diminuendo così il traffico di vetture circolanti

3. I tempi di attesa, se il progetto si diffonde, vengono diminuiti notevolmente rispetto al servizio pubblico

4. Diminuisce l’impatto ambientale del trasporto privato, poiché, se il sistema diventa diffuso, meno persone prenderebbero l’automobile per spostarsi

Vado subito ad iscrivermi!

Condividi
Categorie
Ambiente Buddismo Culture Economia Filosofia Società Sud America Umanesimo Video

Cosa è veramente importante

Estratto dal discorso del presidente dell’Uruguay Jose Mujica, al G20 in Brasile, giugno 2012

[..] Mi domando: che cosa succederebbe a questo pianeta se gli Hindu avessero la stessa  proporzione di auto per famiglia che hanno i tedeschi? Quanto ossigeno ci resterebbe per poter respirare?
Piú chiaramente: il Mondo oggi ha gli elementi materiali per rendere possibile che 7, 8 miliardi di persone possano avere lo stesso grado di consumo e di spreco che hanno le piú opulente societá occidentali? Sará possibile tutto ció? O dovremmo fare un giorno un altro tipo di discussione?
Perché abbiamo creato una civilizzazione, quella in cui siamo, figlia del mercato, figlia della concorrenza e che ha prodotto un progresso materiale portentoso ed esplosivo. Però quello che era economia di mercato ha creato societá di mercato!
E ci ha prodotto questa globalizzazione, che significa guardare a tutto il pianeta!
Stiamo governando la globalizzazione o è la globalizzazione che governa noi?
É possibile parlare di solidarietá e “che siamo tutti uniti”, in una economía basata sulla concorrenza spietata? Fino a dove arriva la nostra fratellanza?
Nulla di questo lo dico per negare l’importanza di quest’evento. No! Al contrario: la sfida che abbiamo davanti é di una portata di carattere colossale, è la grande crisi… E non è ecologica,  è politica!
L’uomo non governa oggi le forze che ha scatenato, fino a quando le forze che ha scatenato  governano l’uomo … e la vita!
Perché non veniamo sul pianeta per svilupparci in termini generali.
Veniamo alla vita cercando di essere felici. Perché la vita è corta e ci va via. E nessun bene vale come la vita, questo è elementare. Ma se la vita mi sfugge, lavorando e lavorando per consumare un “plus” e la societá di consumo é il motore! Perché, in definitiva, se si paralizza il consumo o se si ferma, si ferma l’economia e se si ferma l’economia, è il fantasma della stagnazione per ognuno di noi. Però questo iper consumo, a sua volta, è quello che sta aggredendo il pianeta!
E deve generare, questo iper consumo, cose che durano poco, perché si deve vendere tanto! E una lampadina elettrica, quindi, non puó durare piú di 1000 ore accesa. Peró esistono lampadine che possono durare 100mila… 200mila ore accese!

Però queste non si possono fare! Perché il problema è il mercato, perché dobbiamo lavorare e dobbiamo avere una civilizzazione di uso e smaltimento! E siamo in un circolo vizioso!
Questi sono problemi di carattere politico! Che ci stanno indicando la necessità di iniziare a lottare per un’altra cultura.
Non si tratta di regredire all’uomo delle caverne, né di avere un “monumento all’arretratezza”. È che non possiamo indefinitamente continuare a essere governati dal mercato, ma che dobbiamo governare il mercato!
Per questo dico che il problema è di carattere politico, nel mio umile modo di pensare. Perché… I pensator antichi definivano… Epicuro… Seneca.. gli (indios) Aymara: “Povero non é chi possiede poco, ma veramente povero è chi necessita di infinitamente tanto”. E desidera… e desidera.. E desidera sempre più.
Questa é una chiave di carattere culturale.
Quindi, saluto lo sforzo e gli accordi che si fanno. E li accompagno, come governante.
Penso che alcune delle cose che sto dicendo, stridono. Però dobbiamo renderci conto che la crisi dell’acqua e dell’aggressione ambientale non é una causa.
La causa é il modello di civilizzazione che abbiamo costruito.
E ciò che dobbiamo rivedere è il nostro modo di vivere! Perché?
Appartengo a un piccolo paese, molto ben dotato di risorse naturali per vivere. Nel mio paese ci sono poco piú di 3 milioni di abitanti. Ma ci sono anche 13 milioni di vacche delle migliori al mondo! E circa 8, 10 milioni di meravigliose pecore! Il mio paese è un esportatore di cibo, di latticini, di carne. È una semipianura e quasi il 90% del suo territorio è utilizzabile.
I miei compagni lavoratori lottarono tanto per le 8 ore di lavoro. E ora stanno ottenendo le 6 ore. Ma quello che lavora 6 ore, si cerca due lavori, pertanto, lavora piú di prima. Perché? Perché deve pagare una quantitá di rate: la moto che ha comprato… l’automobilina che ha comprato… E paga rate! E paga rate! E quando arrivi a estinguere… é un vecchio reumatico come me… E la vita gli è sfuggita!
E allora uno si fa questa domanda: questo è il destino della vita umana?
Queste cose sono molto elementari: lo sviluppo non puó essere contro la felicitá. Deve essere a favore della felicitá umana! Dell’amore sulla Terra! Delle relazioni umane! Di prendersi cura dei figli! Di avere amici! dell’avere l’elementare!
Precisamente. Perché é questo il tesoro piú importante che abbiamo.
Quando lottiamo per  l’ambiente,  il primo elemento dell’ambiente si chiama: felicitá umana! Grazie.”

Josè Mujica

Condividi
Categorie
Ambiente Economia

Energia da fonti rinnovabili

Nel marasma globale dell’informazione mainstream difficilmente si sente parlare di cosa accade nel mondo riguardo allo sviluppo dell’energia da fonti rinnovabili. E si capisce che il nostro cosiddetto primo mondo è sempre meno… primo!

I dati a disposizione per un’analisi obiettiva della situazione e dei piani dei vari paesi non mancano.

ITALIA

In Italia nel 2010 si è arrivati ad una richiesta totale di energia di 330,5Twh, di cui solo il 22,8% è da fonti rinnovabili. Importiamo al 2010 energia per il 13,4% del nostro fabbisogno, ma in realtà, aggiungendo quanta energia produciamo da combustibili fossili che prevalentemente importiamo (gas 44,9%, carbone 10,8% e altri 7,1%), arriviamo alla considerevole cifra di 76,2% di fabbisogno energetico soddisfatto da risorse estere: quindi l’indipendenza energetica in Italia, con le attuali politiche, sarà qualcosa che forse (ma forse) vedranno i figli dei nostri figli, se non cambiamo politica energetica.

EUROPA

E cosa succede in Europa?

In Spagna, dove nel 2011 si è arrivati a coprire con fonti rinnovabili il 40% della richiesta totale di energia elettrica del paese (269 Twh), in alcune regioni si è quasi arrivati all’autonomia energetica (Navarra, Cantabria, Murcia), grazie prevalentemente all’uso dell’energia eolica.

In Germania le energie rinnovabili hanno toccato il 17% dei 600 Twh richiesti nel 2010, ma i tedeschi puntano al 80% di energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2050, nonché a ridurre il consumo del 50% dal 2008 al 2050.

In Svezia il 45% dell’energia totale richiesta è prodotto da fonti rinnovabili. La Svezia ha inoltre introdotto un piano per ridurre il fabbisogno energetico degli impianti industriali, riducendo di 1,4 Twh per anno i consumi.

In Francia la situazione non è migliore di quella italiana, poiché la maggior parte della produzione di energia viene dalle centrali nucleari (la Francia è il secondo produttore al mondo dopo gli Stati Uniti); rispetto agli obiettivi datisi per il 2010 del 21% da fonti rinnovabili i francesi si fermano ad un misero 14,6% nel 2010.

Anche l’Inghilterra non è da meno, con solo un 9,4% dell’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili nel 2011. L’Inghilterra sta puntando molto sullo sviluppo dell’energia eolica degli impianti off-shore (in mare aperto), divenendo l’ottavo produttore mondiale di energia eolica (5,7 Gwh) nel 2011.

La Russia è il quinto produttore mondiale di energia rinnovabile (e uno dei più grandi produttori di energia al mondo con 992 TWh prodotti nel 2009), prevalentemente da impianti idroelettrici, con una produzione comunque bassa rispetto al fabbisogno: solo il 17% è da fonti rinnovabili. Il paese vuole tagliare del 40% il consumo d’energia entro il 2020, attraverso investimenti e progetti legati all’efficienza energetica. Attualmente comunque la produzione di energia è prevalentemente da combustibili fossili.

MONDO

La situazione asiatica non è delle migliori (salvo la Cina), ma in celere sviluppo:

La Cina nel 2007 già produceva il 17% dell’elettricità da fonti rinnovabili (prevalentemente tramite impianti idroelettrici). È il quarto produttore mondiale di energia eolica (dopo Stati Uniti, Germania e Spagna). L’obiettivo per il 2010 di produzione eolica del governo cinese era di 10 GW, ma già nel 2009 la produzione si è attestata sui 25,1 GW.  La Cina è il più grande produttore al mondo di pannelli fotovoltaici (il 30% della produzione mondiale). Il programma di energia sostenibile della Cina (China Sustainable Energy Program) prevede entro il 2020 una produzione del 15% di energia totale da fonti rinnovabili. Il piano prevede programmi per lo sviluppo della sostenibilità ecologica delle città, un programma di costruzioni con alta efficienza energetica, la riduzione delle emissioni nei trasporti attraverso l’uso di mezzi ibridi e elettrici .

L’India ha istituito dal lontano 1980 il Ministero per l’Energia Nuova e Rinnovabile. Eppure nel 2011 solo il 10,63% della produzione totale di energia deriva da fonti rinnovabili. Per via dell’alto livello di insolazione l’India sta sviluppando dal 2009 decine di grandi impianti fotovoltaici, di cui alcuni già terminati.

Il Giappone produce il 30% della propria energia da centrali idroelettriche e ben il 50% dal petrolio. Dopo il disastro nucleare di Fukushima, il paese ha deciso per fortuna di interrompere gradualmente tutti gli impianti nucleari esistenti.

Gli Stati Uniti purtroppo hanno il primato di uno dei peggiori paesi al mondo dal punto di vista delle energie rinnovabili:

Gli Stati Uniti hanno nel 2011 prodotto solo l’11,7% della propria energia da fonti rinnovabili, attestandosi come uno dei peggiori paesi al mondo (produce energia per l’85% da combustibili fossili); ciò pur essendo il maggior produttore e consumatore di energia su scala mondiale. Non solo, il potenziale di energia rinnovabile statunitense è in alcuni settori, come l’eolico, tra i maggiori del mondo. Il sistema di finanziamento federale ad aziende private nel settore delle energie rinnovabili è stato assolutamente fallimentare, difatti diverse aziende ampiamente finanziate tramite prestiti federali sono fallite (Solyndra e Konarka, tra le maggiori).

L’America Latina stupisce nel settore delle energie rinnovabili:

Il Brasile ha prodotto nel 2009 l’85% del suo fabbisogno energetico da fonti di energia rinnovabili, grazie soprattutto all’uso dell’etanolo prodotto dalla canna da zucchero. È uno dei paesi al mondo più attivi nella promozione e produzione di energia da fonti rinnovabili.

L’Argentina già produce il 41% del suo fabbisogno energetico da centrali idroelettriche. Il paese sta investendo in energia idroelettrica, eolica e fotovoltaica.

L’Ecuador prevede per il 2020 la produzione di energia al 100% da fonti rinnovabili; già oggi produce il 50% del suo fabbisogno con la sola energia idroelettrica.

Il Venezuela, pur essendo uno dei maggiori produttori di petrolio del mondo, produce il 68,13% della propria richiesta di energia da fonti rinnovabili (idroelettrico). Il paese prevede di soddisfare il 10% del proprio fabbisogno energetico previsto del 2025 tramite centrali di energia eolica.

DOCUMENTI E COLLEGAMENTI:

Documento GSE rinnovabili in Italia 15/11/2011 (PDF)

Wikipedia – Energía renovable en España (LINK)

Wikipedia – Renewable energy in Germany (LINK)

Sweden – Generating power for a sustainable future (LINK)

France – Energies renouvelables : la France échoue sur ses objectifs (LINK)

Wikipedia – Renewable energy in the United Kingdom (LINK)

Wikipedia – Renewable energy in Russia (LINK)

Wikipedia – Renewable energy in the People’s Republic of China (LINK)

The China Sustainable Energy Program (LINK)

Wikipedia – Renewable energy in India (LINK)

Wikipedia – Energy in Japan (LINK)

Wikipedia – Renewable energy in United States (LINK)

Wikipedia – Energia renovável no Brasil (LINK)

Wikipedia – Sector eléctrico en Argentina (LINK)

Wikipedia – Venezuela: energia (LINK)

Condividi
Categorie
Ambiente Ecologia Economia Filosofia Finanza Politica Società Umanesimo

Festa della Decrescita Felice dei Castelli Romani 29 aprile 2012

Condividi
Categorie
Agricoltura Ambiente Informazione

Per tutte le piante del mondo!

Il potere dell’uomo e della tecnologia, quando usati con coscienza, portano a delle meraviglie incredibili. Ne è la dimostrazione il sito The Plant List.

I ricercatori dei Kew Gardens di Londra e del Missouri Botanical Garden di St. Louis, dopo dieci anni di lavoro, sono riusciti a raccogliere in un unico database accessibile a tutti oltre 1 milione e 250 mila nomi di piante: si chiama The Plant List.

L’ecologia profonda ha bisogno tanto della coscienza quanto della conoscenza e ora, grazie a questo encomiabile lavoro, sta solo a noi esseri umani cominciare a studiare e scoprire la variegata forma del mondo vegetale che convive con noi sul pianeta terra, che sempre ci ammalia e stupisce con i suoi splendidi fiori, i maestosi alberi, le profumate piante aromatiche; lo stesso mondo vegetale da cui non possiamo prescindere per sopravvivere, perché noi e l’ambiente siamo una cosa sola, conoscerlo è il modo migliore per imparare ad amarlo e rispettarlo.

Condividi
Categorie
Agricoltura Ambiente News Società Umanesimo

Convegno nazionale G.A.S. e D.E.S. 2010 Osnago (LC)

Come di consueto ogni anno, si terrà il convegno nazionale dei Gruppi d’Acquisto Solidale, questa volta congiuntamente con i Distretti d’Economia Solidale. Gasisti di tutta Italia, uniamoci!

Maggiori informazioni sul sito dell’iniziativa: http://www.convegnogasdes2010.org/

Condividi
Categorie
Agricoltura Ambiente Culture News

Soul Food 22 e 23 maggio 2010

Con grande piacere invito chiunque all’iniziativa co-organizzata dal Gruppo d’Acquisto Solidale di cui faccio parte, il Gasper, denominata “Soul Food”, alla sua terza edizione. Questo anno la giornata principale, ossia domenica 23 maggio, si terrà al Circolo degli Artisti, in Via Casilina Vecchia 42, dalle ore 15.30. Noi del Gasper saremo lì con i produttori, prepareremo un aperitivo con i prodotti del nostro g.a.s. e molto altro ancora. Non mancate!

PROGRAMMA SOUL FOOD 2010 (PDF)

Per avere maggiori informazioni collegatevi al sito dell’iniziativa: http://www.thesoulfood.net/

Condividi
Categorie
Ambiente Società

Isole di plastica

Marine debris, isole di spazzatura

Potrebbe essere un ottimo titolo per una raccolta di poesie contemporanee, purtroppo è un’agghiacciante realtà.

Nell’Oceano Pacifico navigano, quasi invisibili sotto il pelo dell’acqua (sono difatti difficilmente riscontrabili nelle foto satellitari), senza che se ne parli molto nei media mainstream (come potrebbe essere il contrario?), enormi (due volte la superficie degli Stati Uniti!) ammassi di rifiuti, 100 milioni di tonnellate, esempio per tutti noi di ciò che stiamo combinando al mondo. Tali formazioni, chiamate dagli oceanografi “marine debris“, sono state scoperte già negli anni ’90 e da allora sono solo aumentate di numero e dimesione. Parliamo forse del più grande disastro ecologico della storia dell’umanità.

Condividi
Categorie
Ambiente Filosofia Società Umanesimo

Illusione

Il problema basilare, la pietra angolare d’ogni insensibilità e incoscienza dell’essere umano, risiede nel vivere nell’illusione, nel voler credere alla menzogna. Guardando ad esempio in televisione una pubblicità d’un prosciutto viene narrata una realtà parziale, spesso ipocrita, esaltando il gusto, la genuinità: mai però viene mostrato il processo di macellazione, sullo stile “Guardate come macelliamo bene le nostre carni!” (ma ve lo immaginate?). Alla maggior parte delle persone piace essere illusa: la gran parte dei convinti “carnivori” che conosco non è mai stata in un macello e men che mai ci andrebbe. È meglio che il “lavoro sporco” lo faccia qualcun altro. Io non ho nulla a che dire con chi mangia carne, sono scelte del tutto individuali, è solo per portare un esempio forte: un esempio forte di come molti esseri umani sappiano arrivare a mentire a se stessi e agli altri al punto da non avere più il senso della realtà. Come diceva Gramsci l’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettiva.

Condividi